Federalberghi accusa Airbnb: «Fenomeno fuori controllo»

Il presidente di Federalberghi Veneto e vicepresidente nazionale Marco Michielli punta il dito contro la crescita smisurata di Airbnb in Veneto chiedendo controlli a tappeto

«Alloggi turistici, in Veneto l'impennata di Airbnb è lo specchio di un fenomeno fuori controllo». Secondo il presidente di Federalberghi Veneto e vicepresidente nazionale Marco Michielli si tratta di 'shadow economy', ed è un mercato che si espande invisibile con conseguenze visibilissime sul piano erariale e dello spopolamento dei centri storici, a cominciare da Venezia. Ad agosto di quest'anno, solo su Airbnb erano 27.339 gli alloggi in vendita in Veneto (nel 2009 erano solo 22), 7.726 in più rispetto allo stesso mese del 2017. Un incremento del 39,39% in soli 2 anni, che corrisponde a un decremento in termini di sicurezza e di entrate per lo Stato, oltre che in un danno verso le imprese turistiche tradizionali e coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza", spiega il presidente di Federalberghi del Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La classifica di Federalberghi nazionale, nel Rapporto sul sommerso turistico ''Le bugie della sharing economy a confronto con i dati reali' vede in testa la provincia di Venezia, con 12.720 alloggi in vendita ad agosto su Airbnb; seguono Verona (7.267), Treviso (1.835), Belluno (1.797), Padova (1.764), Vicenza (1.348) e Rovigo (608). Fra i comuni, spicca il centro storico lagunare, con 9.097 alloggi in vendita, seguito da Verona (2.904), Bibione (1.167), Padova (973), Jesolo (596) e Peschiera del Garda (457). «Nella maggioranza dei casi l'attività non è un'occasionale fonte di reddito, ma un vero e proprio business che crea evidenti squilibri in termini di ricadute sul sistema economico - spiega Michielli - A fatturati/ricavi consistenti, nella shadow economy non corrispondono apporti equivalenti in termini di contributo all'erario e di sostegno all'occupazione e al reddito. Il web rivela la sua doppia faccia: abbatte le barriere comunicative, ma allo stesso tempo instaura un regime di mercato senza più regole che annienta il principio della concorrenza, a danno dei consumatori prima ancora che delle imprese''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento