"Fiere del Piave": in progetto per il 2020 un calendario comune di eventi

“Finalmente parte la procedura per concretizzare un accordo che perseguiamo da tempo” dice il sindaco di Santa Lucia Riccardo Szumski “e inizia un percorso operativo condiviso"

Nella foto il presidente della Regione Zaia con l'amministratore unico Azienda speciale Fiere Santa Lucia di Piave Alberto Nadal

Si rafforza l'asse strategico delle Fiere del Piave: Santa Lucia, Longarone, San Donà di Piave e Godega di Sant'Urbano, in nome della valorizzazione delle eccellenze del territorio e della promozione turistica, realizzeranno una serie di nuove manifestazioni che, accanto a quelle tradizionali, saranno collegate tra loro dalla tipicità e da uno sforzo comune. Dopo il rinnovo della presidenza di Longarone Fiere, mentre Santa Lucia - giunta nel dicembre scorso alla 1358^ edizione con cifre da record quanto a visitatori ed espositori - si conferma sempre di più come la fiera dell'innovazione sostenibile in agricoltura, l'”asse del Piave” mira a costituire un soggetto compatto e omogeneo, mettendo a sistema le affinità storiche, culturali e ambientali proprie dell’area del fiume “sacro alla Patria”. Un'area vasta ma che presenta caratteristiche e ha interessi comuni. L’accordo fu varato due anni fa a Palazzo Balbi sede della giunta regionale alla presenza del presidente della Regione Luca Zaia.

“Nel 2020” dice Alberto Nadal, amministratore unico delle Fiere di Santa Lucia, “abbiamo iniziato a lavorate per redigere un calendario di eventi condiviso che, già dall’anno prossimo, pur rispettando le specificità di ciascun territorio, eviterà le inutili sovrapposizioni e offrirà un quadro omogeneo delle ricchezze davvero uniche che possediamo. Il nostro impegno va ora nella direzione del miglioramento dei servizi, infrastrutture comprese, e nel 'saper comunicare': in questo senso la recente acquisizione del titolo di fiera internazionale e l'adesione all'AEFI (Associazione esposizioni e fiere italiane) ci proiettano in un contesto internazionale che dobbiamo essere assolutamente in grado di fronteggiare. La nostra è la quarta fiera veneta che fa parte dell'AEFI, un 'gotha' cui appartengono già Verona, Padova e Longarone e che garantisce visibilità mondiale”. “Finalmente parte la procedura per concretizzare un accordo che perseguiamo da tempo” dice il sindaco di Santa Lucia Riccardo Szumski “e inizia un percorso operativo condiviso: a questo punto il 'fronte del Piave' si può dire compatto, e può raccogliere la sfida di essere sempre più  competitivo in un panorama, quello fieristico italiano, che rappresenta un settore sempre più portante della nostra economia”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Gravissimo scontro tra uno scooter e un'auto: 24enne muore tra le braccia del fidanzato

  • L'uscita domenicale in bici finisce in tragedia: morto un ciclista investito da un'auto

  • Legato in un bosco e picchiato per vendetta: nei guai anche un'influencer trevigiana

  • Incidente in motorino, Roberto Artuso muore dissanguato in Congo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento