SharryLand: ecco il lancio ufficiale della nuova piattaforma social per il tempo libero

Il focus di SharryLand è in particolar modo sui territori secondari, sull’esplorazione di luoghi ed esperienze fuori dai soliti giri, sulla scoperta di strutture, paesaggi o monumenti spesso dimenticati, o sulla condivisione di iniziative creative e originali

Auditorium della Tipoteca Italiana esaurito per il lancio ufficiale di SharryLand, startup innovativa e nuova piattaforma social dedicata al turismo esperenziale nei territori "secondari", nata per iniziativa di un gruppo di imprenditori di Cittadella (PD). Dopo il saluto dei fondatori di SharryLand, sul palco si sono alternati Francesco Soletti, docente all'Università Bicocca di Milano ed editorialista del Touring Club Italiano, operatori di marketing del terriorio, eccellenze artigianali ed enogastroniche, e tante reatà volte alla tutela del patrimonio culutale e paesaggistico italiano.

Presenti a Cornuda anche numerose amministrazioni da tutta la Penisola, tra cui il Comune marchigiano di San Costanzo (PU), primo "Comune Amico di SharryLand", cui è stata consegnata la targa celebrativa. Anche la Presidenza della Regione Veneto ha voluto inviare una lettera in cui, nell'augurare pieno successo all'iniziativa, sottolinea come SharryLand sia "la testimonianza che il Veneto è ricco di saperi esperti, che hanno l’intelligenza di mettere la propria creatività e ingegno a servizio della comunità per promuovere le meraviglie del nostro Paese".

La prima release della Web App – www.sharry.land – è avvenuta nel luglio 2019; a partire da novembre sono disponibili anche le app Android e iOS, scaricabili gratuitamente da Google Play e App Store. L’obiettivo dei tre fondatori – Luigi Alberton, Maria Cristina Leardini e Paolo Bernardini – è quello di unire idee già diffuse (valorizzare i territori secondari, creare occasioni d’incontro tra gli individui) con strumenti digitali tecnologicamente avanzati, scalabili e facili da usare, in grado di accorpare in un’unica piattaforma social le innumerevoli e frammentarie informazioni presenti sul web.

«SharryLand fornisce finalmente strumenti innovativi e aggreganti non solo a chi cerca idee e ispirazioni per il tempo libero, ma anche a chiunque voglia promuovere le meraviglie nascoste d’Italia. Nella nostra piattaforma, gli utenti possono essere al contempo fruitori e fornitori di contenuti, proposte, servizi. Possono di volta in volta godere della professionalità altrui o mettere a disposizione la propria competenza per promuovere le bellezze del territorio in cui vivono. Diamo visibilità a chi dà impulso all’incontro tra le persone, a chi offre esperienze di qualità, a chi intende creare reti tra le tante realtà d'eccellenza che quotidianamente si spendono per la tutela e la valorizzazione dei territori italiani», annuncia il CEO Luigi Alberton, imprenditore impegnato da 30 anni nel campo dell’innovazione tecnologica, della comunicazione e della promozione culturale.

«SharryLand è innanzi tutto una community - aggiunge Cristina Leardini, content supervisor di SharryLand - una rete di persone curiose, intraprendenti, creative, che cercano ispirazioni per il tempo libero, che mettono amore e passione nelle loro proposte. Abbiamo scelto di tradurre la nostra visione in una piattaforma social, per portare gli SharryLander dall'isolamento dei mondi virtuali alla meraviglia del mondo reale. SharryLand è un megafono di tutto il bello che c’è fuori dai soliti giri, e proprio attraverso le segnalazioni, le foto e la creatività dei singoli utenti vogliamo arrivare a ridisegnare una Mappa delle Meraviglie d’Italia». I propositi dei tre fondatori sono già stati condivisi da una cinquantina di piccoli investitori, che ad oggi hanno sottoscritto un aumento di capitale pari a 650 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento