Food academy, nasce a Treviso l'accademia del buon cibo

Il progetto formativo, ideato e promosso dal Gruppo detentore del marchio Bottega di Marca con il contributo di EbiCom, organizza una prima sessione estiva di tre serate (10-17-24 luglio) si rivolge a tutti gli operatori (imprenditori e dipendenti) del dettaglio alimentare

Riccardo Zanchetta

Si presenta come la nuova Food Academy ed è una vera Accademia dove si imparano vizi e virtù del buon cibo trevigiano e nazionale che prende il via il 10 luglio da un’idea dei “casolini” della Marca Trevigiana, ovvero dal gruppo alimentare Fida-Confcommercio presieduto da Riccardo Zanchetta (in foto). Il progetto formativo, ideato e promosso dal Gruppo detentore del marchio Bottega di Marca con il contributo di EbiCom, organizza una prima sessione estiva di tre serate (10-17-24 luglio) si rivolge a tutti gli operatori (imprenditori e dipendenti) del dettaglio alimentare specializzato – ne sono censiti 1865 nella provincia - ed intende fornire una competenza di “alto livello” a chi si rapporta con i nuovi consumatori e deve cercare nuove idee per resistere in un mercato, come quello del commercio alimentare (pane, ortofrutta, carni e alimentari), assediato dalla grande distribuzione e messo a dura prova dai consumatori attenti alle diete e influenzati dalle fake news sul cibo.

«Occorre acquisire- spiega il presidente del gruppo Riccardo Zanchetta- la massima conoscenza e consapevolezza del cibo che vendiamo. Solo in questo modo il lavoro “tradizionale” che ci vede dietro al banco si trasforma in una vera specializzazione, costruita con passione ed orgoglio. Non basta conoscere sommariamente i prodotti, bisogna conoscerne storia, usi, provenienza, tradizioni, utilizzi, effetti collaterali, aspetti curiosi. I consumatori che si rivolgono al negozio specializzato non cercano un semplice acquisto, ma un’esperienza che possa arricchire. Questa è la differenza sostanziale tra chi costruisce il nostro mestiere e chi lo subisce passivamente, facendosi trovare impreparato alle rivoluzioni ed ai cambiamenti. Molti di noi hanno già aderito al progetto Stile Italiano, che dopo un percorso assegna un marchio di qualità, ma questa iniziativa offre una formazione specialistica».

Per questa sessione estiva la proposta prevede un mini-master di tre serate: il 10 luglio alle 17,30 (sede via Venier 55) con Natalia Massi, esperta di nuove tendenze, ricercatrice di Kiki Lab, il 17 luglio, sempre alle 17,30 nella stessa sede con l’antropologo Antonio Andreani, docente all’Università di Perugia, ed infine mercoledi 24 luglio alle 20, presso il ristorante Le Querce a Ponzano, serata e degustazione con counselling filosofico di Aldo Trivellato e Mauro Di Barbora, sommelier. Il 10 ed il 17 luglio è sempre possibile fermarsi a cena coi relatori per domande ed approfondimenti. Dopo l’estate i seminari verranno replicati in tutti i mandamenti Confcommercio della Provincia di Treviso.

Costo: 30 euro a seminario per azienda, oppure 75 euro per il ciclo completo dei tre seminari.

Iscrizioni: 0422580361 sindacale@unascom.it

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Travolto da un'auto mentre era in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

Torna su
TrevisoToday è in caricamento