A Breda di Piave continuano le iniziative per il Giorno del ricordo

Una settimana dopo la data ufficiale delle celebrazioni per le vittime delle foibe, il Comune trevigiano dedica il fine settimana a un'importante iniziativa per non dimenticare

Nell’ambito di un’attività di riflessione e sensibilizzazione della comunità e degli alunni di tutte le scuole del territorio, il Comune di Breda di Piave ha deciso di organizzare, sabato 16 febbraio alle ore 17, un appuntamento per celebrare il Giorno del Ricordo, a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, che si terrà nella sala consiliare di Villa Olivi.

Qui sarà presentato il libro “Istria, amata e sconosciuta” della scrittrice Ligi Roberto. Sabato 16 febbraio, alle ore 17, l'autrice trevigiana di adozione ma nata a Cittanova d’Istria, presenterà “Istria, amata e sconosciuta”, storia di una realtà di confine, prima e dopo l’esodo, e dei legami esistenti tra due sponde adriatiche. Nel libro l’autrice racconta non solo l’amore verso la sua Istria, terra che ha dovuto lasciare, ancora bambina, nel 1946, ma anche i fatti storico politici che hanno caratterizzato l’area durante il secondo conflitto mondiale. A effettuare una cornice storica e introduttiva sarà monsignor Santarossa. «Quest'anno abbiamo programmato due appuntamenti, uno per la Giornata della Memoria e uno per il Giorno del Ricordo – spiega Moreno Rossetto, sindaco di Breda di Piave – Riteniamo fondamentale non dimenticare, conoscere la storia attraverso la voce di chi l'ha vissuta per poter meglio comprendere il presente e costruire così ponti di pace».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Pullman per la gita scolastica non a norma: sequestrati dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento