Mal dell'esca nella vite, 300mila euro agli agricoltori della Marca

Può avere due tipi di decorso: un disseccamento lento e progressivo, che può durare anche diversi anni, oppure una forma apoplettica, che porta ad una rapidissima e improvvisa morte della pianta

Valerio Nadal di Condifesa

Un Natale felice per oltre 300 imprenditori agricoli della Marca che saranno indennizzati per circa 300 mila euro per il “Mal dell’Esca”. Gli indennizzi saranno possibili grazie ai fondi mutualistici creati dal Condifesa Treviso (ora Condifesa TVB) nel 2012 che permettono agli agricoltori di investire una cifra contenuta per poi avere benefici in caso di danni alle colture.

Valerio Nadal presidente del Consorzio TVB (Treviso-Vicenza-Belluno che associa 20 mila imprese ha dichiarato: «L’obiettivo per cui è stato creato il fondo non è solo per sostenere gli agricoltori danneggiati, ma anche per promuovere una gestione sostenibile del vigneto evitando trattamenti chimici inutili e sostituire le piante colpite o danneggiate con piante sane». Il “Mal dell’esca” della vite può avere due tipi di decorso: un disseccamento lento e progressivo, che può durare anche diversi anni, oppure una forma apoplettica, che porta ad una rapidissima e improvvisa morte della pianta.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento