Via ai lavori della ciclopedonale che collegherà Frescada, Casier e Treviso

Il sindaco Paolo Galeano: «Il cantiere durerà per circa 75 giorno: un aspetto organizzativo molto importante è che non vi sarà alcun senso unico sul Terraglio poiché verrà quotidianamente allestito e disallestito il cantiere con lo spostamento dei new jersey»

Sono partiti in questi giorni i lavori per la realizzazione del primo stralcio del viale ciclopedonale lungo la "Pontebbana", nel centro abitato di Frescada, a Preganziol. Questo primo stralcio in ordine di tempo di realizzazione è il terzo stralcio da progetto, cioè quello più a nord, compreso fra il confine con Casier e via Basso, per un importo totale di circa 336.000 euro. L'intervento riguarda un'opera che consentirà, prima ancora che mettere in sicurezza un tratto di Terraglio per chi lo percorre a piedi o in bicicletta, di riqualificare una parte di territorio che, con il fossato a cielo aperto in una zona sprovvista di impianto fognario, spesso versa in condizioni indecorose.

«La realizzazione -spiega in una nota il sindaco Paolo Galeano- nel suo complesso (il costo totale per i tre stralci dell'opera ammonta a circa 1.150.000 euro) avvierà una fase per rendere moderna e funzionale la strada simbolo del territorio e consentirà di percorrere in una sezione stradale dedicata e separata dal Terraglio, grazie ad apposite aiuole spartitraffico, l'intero tratto che percorre il Terraglio stesso sul lato est e che collega Frescada a Casier/Treviso. L'opera, inserita nel piano triennale delle opere pubbliche, è stata più volte oggetto di discussione nelle numerose assemblee svolte nella frazione. Ad inizio mandato avevamo detto che il 2018 sarebbe stato l'anno della pista ciclabile sul Terraglio e 2018 è stato. Il cantiere durerà per circa 75 giorni: un aspetto organizzativo molto importante è che non vi sarà alcun senso unico sul Terraglio poiché verrà quotidianamente allestito e disallestito il cantiere con lo spostamento dei new jersey, in maniera da non inficiare sulla viabilità, già parecchio sovraccarica in questo periodo dell'anno. Altro aspetto organizzativo non secondario: il deposito del cantiere, non essendovi lo spazio necessario in questa prima fase, è stato allestito nell'area del parcheggio di via Bassa: questo parcheggio è già "stracolmo" nel breve periodo di apertura e chiusura della scuola, e la sua parziale occupazione ovviamente creerà qualche disagio alle famiglie che portano lì i propri figli. Chiediamo alla popolazione interessata di sopportare gli eventuali disagi per il periodo che sarà necessario...siamo certi della comprensione visto che stiamo lavorando per un'opera importante e molto attesa da tanti anni. Grazie all'applicazione dell'avanzo di amministrazione abbiamo anticipato già in questo 2018 il finanziamento anche del secondo stralcio (quello mediano), il quale era invece prima finanziato per il 2019. Nel piano triennale dei lavori si prevede il completamento di tutta l'opera, con il terzo (primo da progetto) ed ultimo stralcio nel 2020».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Voli dal Canova "scaricati" su Quinto: «Comune di Treviso scorretto e sleale»

  • Attualità

    Lavori urgenti agli svincoli in A4 e A27: deviazioni al traffico

  • Attualità

    Il conte Emo chiede scusa al Credito trevigiano: risarcimento da 40mila euro

  • Cronaca

    Un etto di marijuana in tasca, blitz della polizia locale ai giardinetti

I più letti della settimana

  • Tragedia alla "Agrifung", camionista muore schiacciato da un escavatore

  • Morto a 16 mesi mentre è ai Caraibi con i genitori: arriva il risarcimento

  • Trovato il corpo senza vita di Alex Gerolin

  • Autopsia sul piccolo Jerome, la famiglia nomina un medico no vax

  • Preside chiude la scuola, sindaco su tutte le furie: «La denuncio»

  • Oderzo: il sindaco cancella i festeggiamenti per il 25 aprile

Torna su
TrevisoToday è in caricamento