Prosecco Cycling e Cia Agricoltori Italiani sostengono l'agricoltura solidale

I partecipanti all’evento del 29 settembre riceveranno un vasetto di zucchine in agrodolce coltivate dai ragazzi della Cooperativa Sociale Vita Down di San Polo di Piave

Da sinistra, Giuseppe Facchin, presidente di CIA Treviso, Massimo Feletto, capo ortolano della Cooperativa Sociale Vita Down, e Massimo Stefani, ideatore della Prosecco Cycling

Da quest’anno con la Prosecco Cycling “pedala” anche CIA – Agricoltori Italiani di Treviso. E, grazie alla nuova partnership, l’evento del 29 settembre lancia un’iniziativa solidale che coinvolge la Cooperativa Sociale Vita Down di San Polo di Piave. Gli oltre duemila ciclisti che verranno da tutto il mondo a fare passerella nel cuore delle colline del Prosecco, appena riconosciute dall’Unesco Patrimonio mondiale dell’umanità, riceveranno un vasetto di zucchine a km 0 di alta qualità, in agrodolce, coltivate e confezionate direttamente dai ragazzi della Cooperativa Sociale Vita Down.

Saranno proprio i ragazzi della cooperativa a consegnare il prodotto ai partecipanti alla Prosecco Cycling, che così contribuirà, insieme a CIA - Agricoltori Italiani di Treviso, a sostenere le attività agricole di “Casa Vittoria”, struttura ricettiva che dal 2017 rappresenta un centro di inserimento lavorativo nel settore agricolo e della ristorazione per giovani con disabilità intellettiva. “Abbiamo scelto di sostenere la Prosecco Cycling perché condividiamo valori importanti, come la sostenibilità ambientale e la promozione del mondo rurale – spiega Giuseppe Facchin, presidente di CIA - Agricoltori Italiani di Treviso – ma anche perché la Prosecco Cycling genera un indotto significativo sul territorio. L’iniziativa a favore della Cooperativa Sociale Vita Down ne è uno splendido esempio”.         

Grazie al recupero di un’antica casa colonica e del terreno circostante, donati dalla Fondazione Americo e Vittoria Giol, “Casa Vittoria” si è sviluppata sino a comprendere una struttura ricettiva dotata di sei camere da letto, un ristorante, una sala convegni, ma anche un orto e tre serre. Qui i giovani con sindrome di Down sono impegnati nelle attività a loro più idonee: la preparazione di piatti in cucina, il servizio in sala, le pulizie dei locali e il lavoro agricolo nell’orto.

“Siamo certi che i partecipanti alla Prosecco Cycling apprezzeranno la qualità di un prodotto del territorio nato dall’impegno e dall’entusiasmo dei ragazzi della Cooperativa Sociale Vita Down - aggiunge Massimo Stefani, ideatore dell’evento - Prosecco Cycling non si è solo posta l’obiettivo di diventare un evento totalmente sostenibile dal punto di vista ambientale, ma è anche particolarmente vicina al mondo dell’agricoltura ed è, da sempre, partecipe ad iniziative di solidarietà: il sostegno alla Cooperativa Sociale Vita Down, attraverso l’acquisto dei suoi prodotti, nasce da questi sentimenti”. L’hashtag #we2gether”, lanciato a settembre del 2018 per celebrare la partnership tra la Prosecco Cycling e i Mondiali di sci alpino di Cortina d’Ampezzo 2021, significa proprio questo: promozione del territorio, rispetto dell’ambiente, spinta alla solidarietà.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Choc anafilattico dopo la pizza con gli amici: Maria Vittoria muore a soli 12 anni

  • Schianto fatale tra moto e camion: muore un centauro di 27 anni

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

  • Esce a tagliare l'erba: operaio del Comune trovato morto in strada

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento