Tutti i punti dove ricaricare l'auto elettrica in città

I punti ricarica auto elettriche a Treviso

Negli ultimi anni, l'industria automobilistica ha subito più cambiamenti di quanto non sia stata per decenni. Le auto elettriche, hanno stimolato i cambiamenti che sembrano pronti ad aprire la strada a un futuro più verde e più intenso. Ne sai abbastanza a riguardo? Questo è un viaggio informativo sui veicoli elettrici dal modo in cui funzionano alla vera forza delle loro credenziali ecologiche, nonché una guida utilissima, per te che ne sai già in possesso e la mappatura dei diversi punti di ricarica collocati nella Marca.

Cosa sono i veicoli elettrici

A differenza delle auto a benzina o diesel, con un tradizionale motore a combustione interna (o ICE), le auto elettriche sono alimentate da un pacco batteria, da cui dipendono totalmente.

I possessori di auto elettriche, possono trarre energia tramite una presa a muro, come quelle utilizzate per altri apparecchi elettrici o da un'unità di ricarica dedicata. Collegando semplicemente la porta di ricarica dell'auto a una fonte di elettricità, ricevendo energia che viene immagazzinata all'interno del veicolo. Una variante dell'auto elettrica è l'ibrido, che utilizza una combinazione di elettricità e combustibili liquidi.

I veicoli completamente elettrici, puri, non hanno i terminali di scarico e quindi non producono emissioni di gas di scarico. In un certo senso, sono visti come più rispettosi dell'ambiente, in confronto ad altre automobili e sono quindi scelti da molti conducenti attenti all'ambiente. I veicoli elettrici, sono anche significativamente più silenziosi rispetto alle auto alimentate a benzina o diesel. Tendono a emettere suoni, solo quando viaggiano a velocità da moderate a alte, a causa della resistenza al vento o dei rumori degli pneumatici. Anche allora, le auto normali sono ancora considerate molto più rumorose.

Simile ai veicoli normali, le auto elettriche hanno un sistema di raffreddamento termico. Le loro batterie, contenenti ioni di litio, sono soggette al riscaldamento quando utilizzate - proprio come un normale motore - e quindi devono essere mantenute alla corretta temperatura operativa. Lo stesso vale per l'elettronica di potenza e altri componenti chiave. I veicoli elettrici, contengono anche un regolatore che assicura che i livelli di energia prodotti e consumati dall'auto, siano coerenti.

Un po' di storia dell'auto elettrica

Sapevi che le auto elettriche risalgono all'inizio del XIX secolo? Molti pensano che i veicoli elettrici siano un'innovazione recente, ma non è del tutto vero. Nel 1830, l'inventore scozzese Robert Anderson, costruì un carrello elettrico alimentato da celle non ricaricabili e mise in moto le ruote per i veicoli elettrici. Verso la fine del secolo, l'innovatore americano William Morrison costruì la prima auto elettrica funzionante. Gli anni che seguirono, videro la popolarità dei veicoli elettrici negli Stati Uniti e nel 1900, oltre un quarto dei nuovi veicoli prodotti erano alimentati elettricamente.

Lo shock petrolifero degli anni '70 e le preoccupazioni per l'aumento del prezzo dei carburanti a base di petrolio, dilagavano, questo promosse l’approfondimento del settore.

Le conversazioni sui vantaggi dei veicoli elettrici hanno iniziato, due decenni dopo, negli anni '90, quando importanti marchi produssero i loro primi modelli alimentati elettricamente. La Toyota Prius, alimentata dall'elettricità ma con la possibilità di utilizzare la benzina dopo un certo punto, fu lanciata nel 1997.

Da allora, diversi governi di tutto il mondo hanno introdotto misure per cercare di promuovere l'uso di auto elettriche. Marchi come Tesla, Smart, Renault e Nissan, hanno immesso sul mercato modelli sportivi, compatti e subcompatti, e da allora altre aziende hanno seguito l'esempio con i propri modelli completamente elettrici e ibridi.

Cos'è un'auto ibrida?

I veicoli ibridi, utilizzano più di una fonte di alimentazione. Un'auto a benzina ibrida funziona con un motore elettrico e un motore a benzina, mentre un'auto diesel ibrida è alimentata da un motore elettrico e un motore diesel. Esistono due diversi tipi di ibridi sulla strada: ibridi convenzionali e veicoli elettrici ibridi plug-in (PHEV):

Ibridi convenzionali funzionano elettricamente, a condizione che l'auto viaggi a bassa velocità. Quando il conducente accelera ulteriormente, il motore si spegne sia per l'elettricità che per la benzina o il diesel.

Gli ibridi plug-in possono essere collegati a una presa elettrica per la ricarica, ma i PHEV possono essere caricati in movimento attraverso una fonte di alimentazione esterna. Hanno lo stesso motore degli ibridi convenzionali, sebbene possano anche percorrere distanze più lunghe alimentate esclusivamente dall'elettricità.

In termini di differenze chiave rispetto alle auto completamente elettriche, gli ibridi sono generalmente disponibili a prezzi più bassi e non presentano problemi di ansia nella stessa gamma. E come ci si aspetterebbe, i veicoli ibridi hanno emissioni C02 inferiori rispetto alle auto convenzionali, ma emettono ancora più di un veicolo completamente elettrico.

Dove sono collocate le colonnine di ricarica
 

A Treviso sono presenti 5 colonnine per la ricarica elettrica, installate nell’ambito del progetto europeo “LIFE + PERTH” e sono ubicate in Piazza S.Pio X, Piazza Vittoria e Via Toniolo; altre due, installate nell’ambito del progetto europeo REMEDIO del Settore Ambiente, ubicate in Piazza Duomo e Piazzale Pistoia.

I veicoli elettrici plug-in (ibridi o puri), possono ricaricarsi gratuitamente per un tempo massimo di 5 ore sugli stalli riservati adiacenti alle colonnine di ricarica.

Come accedere al servizio

Per le 3 colonnine del progetto europeo “LIFE + PERTH”, per effettuare la carica occorre ritirare la tessera gratuita presso la biglietteria MOM.

Piazzale Duca D’Aosta 1

Apertura: da lunedì a sabato

Orari: dalle 7.00 alle 19.00

Per le 2 colonnine del progetto europeo REMEDIO non è necessaria nessuna tessera per la ricarica.

Inoltre, i veicoli elettrici puri, ossia dotati esclusivamente di motore elettrico, hanno accesso libero in ZTL e sosta gratuita su tutti gli stalli di sosta pubblici a pagamento del territorio comunale, eccetto le aree riservate agli abbonati o di quelle chiuse da sbarre o dispositivi che prevedano per l’accesso, l’emissione di un biglietto o l’utilizzo di una tessera.

Futura evoluzione della rete del Comune di Treviso

Con delibera di Giunta Comunale n.126145 del 05.09.2018 è stato approvato uno schema di protocollo di intesa per l’installazione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici ed ibridi plug-in su suolo pubblico, e si è dato atto che la ditta aggiudicataria procederà con l’installazione di 44 colonnine di ricarica. Per ogni infrastruttura di ricarica (colonnina) sono previsti 2 stalli di sosta riservati. Qui è possibile scaricare la futura rete di ricarica per i veicoli elettrici del nostro territorio.



Mappa:

Be Charge Charging Station

Stazione di ricarica per veicoli elettrici

31,2 km · Treviso TV

Be Charge Charging Station

Stazione di ricarica per veicoli elettrici

30,3 km · Treviso TV

Be Charge Charging Station

Stazione di ricarica per veicoli elettrici

31,3 km · Treviso TV

Tesla Destination Charger

Stazione di ricarica per veicoli elettrici

34,3 km · Quinto di Treviso TV

Tesla Destination Charger

Stazione di ricarica per veicoli elettrici

23,6 km · Roncade TV

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Si schianta con la moto contro un'auto: grave un centauro

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento