Crisi Panto: la proposta del gruppo Crescere Insieme San Biagio

Il gruppo consiliare Crescere Insieme San Biagio propone di creare un fondo di garanzia comunale per l'assistenza delle famiglie in difficoltà a causa del mancato pagamento degli stipendi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Nelle ultime settimane è esplosa evidente nella sua drammaticità la crisi dell'azienda Panto con i lavoratori esasperati dal fatto che da alcuni mesi non ricevono più lo stipendio.
 
Da alcuni giorni sono iniziate una serie di azioni di mobilitazione che hanno l'obiettivo di far emergere le difficoltà ma soprattutto chiedere, tramite le Organizzazioni sindacali, quale sia la reale situazione e soprattutto se ci sia un piano di rilancio per recuperare sul mercato quel ruolo di leader che l'azienda aveva fino a qualche anno fa.
 
Il Gruppo Crescere Insieme San Biagio e i Consiglieri Sandro Vedovi ed Eleonora Pavanetto vogliono affiancare i lavoratori in lotta, proponendo all'Amministrazione comunale tutte quelle azioni possibili che possano salvaguardare una delle imprese più importante del territorio del Comune di San Biagio, che dà lavoro a oltre 120 lavoratori e che per San Biagio vuol dire garantire il benessere di tante famiglie.
 
"Non possiamo perdere questo patrimonio imprenditoriale", dicono i Consiglieri Vedovi e Pavanetto, "Per questo, vista la freddezza con cui il Sindaco Pinese e la sua maggioranza stanno affrontando il problema, ci impegneremo a fondo, nell'ambito di quanto ci è possibile come Consiglieri Comunali di minoranza, per spingere affinchè il Comune si faccia parte attiva, favorendo il dialogo tra proprietà e parti sociali, chiedendo l'interessamento degli assessorati del lavoro di Provincia e Regione, in modo da dare alle famiglie al momento senza stipendio, la possibilità di accedere agli ammotizzatori sociali".
 
"Come nostro primo atto, abbiamo presentato al Sindaco un'interpellanza che chiede di convocare immediatamente un Consiglio Comunale sul problema e di approvare una mozione di sostegno in modo da poter impegnare in maniera formale l'Amministrazione Comunale nel sostegno ai lavoratori ed alle parti sociali".
 
"Ci siamo inoltre fatti promotori affinchè il Comune istituisca un fondo di solidarietà per quelle famiglie residenti nel Comune di San Biagio e che a causa delle difficoltà della Panto non stanno percependo la busta paga. Il fondo di solidarietà andrebbe a far fronte a quelle spese di diretta competenza dell'Amministrazione (IMU prima casa, retta mensa scolastica, retta scuola materna) che in questa fase di estrema difficoltà non sarebbero sopportabili dalle famiglie".

 

Torna su
TrevisoToday è in caricamento