Ex base Nato sul Grappa: in estate al via i lavori di demolizione

Il sindaco di Seren, Dario Scopel: «Torniamo da Roma con solide rassicurazioni sull’avvio del progetto». Cunial: «Per l'autunno il via all'affidamento dei lavori per il restauro del Sacrario»

Buone nuove da Roma, dove il sindaco di Seren del Grappa Dario Scopel e la parlamentare vicentina del Movimento 5 Stelle Sara Cunial hanno avuto quest’oggi un importante incontro in ambito ministeriale in merito al progetto di riqualificazione e recupero di Cima Grappa. È arrivata infatti la notizia che è stato depositato pochi giorni fa il progetto definitivo e che già in aprile è prevista la Conferenza dei Servizi per l’approvazione definitiva. Entro l’autunno poi, attraverso un apposito bando di gara, saranno affidati finalmente i lavori di restauro del Sacrario, che dovrebbero essere quindi eseguiti nell’arco del 2020. La notizia ancor più significativa per quanto riguarda il territorio serenese è che l’abbattimento dell’ex base Nato è in calendario già per la prossima estate (e una volta completati i lavori generali, l’area sarà quindi di nuovo libera e transitabile).

«Siamo davvero soddisfatti delle rassicurazioni ottenute quest’oggi - commenta il sindaco di Seren del Grappa Dario Scopel di rientro da Roma - L’iter per i lavori di restauro conservativo del Sacrario di Cima Grappa e della demolizione della ex base Nato ha preso il via nell’ oramai lontana estate del 2013, quando fu istituito il comitato storico-scientifico per gli anniversari di interesse nazionale - continua Scopel - Nel maggio del 2014, con decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, fu quindi approvato il programma degli interventi. Si sono poi succeduti tutta una serie di atti e iniziative di vario tipo, ma con il passare degli anni in più di qualcuno è cominciato a serpeggiare il timore che l’allontanarsi dal Centenario della Grande Guerra portasse a dimenticare questo importante progetto. Le notizie odierne sono quindi molto positive. La causa dei rallentamenti, ci è stato spiegato, risiede nel fatto che ad ogni nuovo governo si deve riapprovare la Struttura di Missione, il che vuol dire perdere mediamente 6 mesi (e dal 2014 ad oggi è successo per ben 3 volte)».

«I lavori prevedono il restauro del Sacrario, la realizzazione degli spazi museali, la riqualificazione ambientale ( la cui parte più significativa è rappresentata dalla demolizione degli oltre 6 mila metri cubi della ex base Nato) e il miglioramento dell’accessibilità all’area. L’intervento - concludono il sindaco di Seren del Grappa e la deputata Cunial - non è certo di poco conto: in totale sono previste risorse per circa 6 milioni di euro (di cui 400 mila per la demolizione della ex base Nato), messe in campo direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Stavolta pare essere davvero quella buona».

Potrebbe interessarti

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Pranzo in pizzeria, famiglia scappa senza pagare il conto

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Infarto in casa, 50enne ricoverato in fin di vita

  • Ritrovata l'anziana sparita da casa in bicicletta: era svenuta in una vigna

  • Giovane investito sui binari: in tilt la linea Venezia-Udine

Torna su
TrevisoToday è in caricamento