Indennità parlamentari, Gentilini: "Politici scendano da scranni dorati"

La Lega si mostra divisa sui tagli alle indennità dei parlamentari. Favorevole lo sceriffo di Treviso, che invita i politici italiani a stringere la cinghia

Pareri divisi all'interno del Carroccio a proposito dei tagli alle paghe dei parlamentari. Se all'anti-casta che protesta contro i privilegi dei politici, Piergiorgio Stiffoni, senatore della Lega, risponde: "Io con le pezze al sedere non voglio andare in giro", l'ex primo cittadino trevigiano invita tutti a mettersi a dieta.

"Non sono contro il popolo del Nord che si sacrifica – precisa Stiffoni – ma contro qualche giornalista milionario che ci vorrebbe ridotti alla miseria perché non ci sopporta come baluardo della democrazia". Dal canto suo, alla notizia che i parlamentari frenano sui tagli alle loro indennità, lo sceriffo per antonomasia, Giancarlo Gentilini, scrive al Premier Monti ricordandogli che "c'è la crisi e i tagli alle indennità dei politici devono scattare immediatamente". "Scendano dai loro scranni dorati", protesta Gentilini.

E domani a Palazzo Madama si riunirà il consiglio della presidenza proprio per discutere di vitalitzi e indennità. "In una settimana decideremo – spiega Stiffoni, che sarà presente al consiglio – ma senza fare scelte demagogiche". Più propensa ai sacrifici Simonetta Rubinato (Pd), sindaco di Roncade: "Ulteriori sacrifici? Eccoci. Ma non si dimentichi che dal 2006 abbiamo accettato, senza fiatare, tagli per il 30 per cento, secondo misure varie".

Rubinato, però, chiarisce che l'intento non è salvare la busta paga: "Semplicemente vorrei svolgere in modo dignitoso il mio lavoro. Ci diano pure uno stipendio tra i 4.500 e i cinquemila mila euro, alla pari di quello dei colleghi tedeschi. Però ci garantiscano gli altri servizi, come avviene in Germania: dai collaboratori che ci aiutano a presentare le proposte di legge o anche solo le interrogazioni, agli uffici".

L'anti-casta non ha tutti i torti, secondo il senatore leghista Giampaolo Vallardi. E tuttavia "Non siamo i parlamentari della Prima Repubblica, quelli sì avevano i superprivilegi. Non siamo nemmeno parlamentari con tre o quattro legislature e, quindi, con pensioni d’oro – continua Vallardi – Io sono al primo mandato e in busta paga mi restano poco più di quattromila euro al mese", dopo averne versati tremila al movimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E’ pur vero – ammette il senatore Maurizio Castro (Pdl) – che non possiamo costringere gli italiani a moltiplicare i sacrifici e noi esimerci dal fare la nostra parte, anche se è vero che ci siamo autoridotti in questi anni le indennità". "Un ultimo sforzo possiamo senz’altro farlo – concorda Fabio Gava (Partito Liberale Italiano) – ma sacrifici ne abbiamo fatti anche noi. Questo l’anti-casta lo ricordi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento