Donazione di midollo e sangue cordonale: la trevigiana Admor Adoces compie 25 anni

Da sabato 15 settembre l'associazione trevigiana ha deciso di promuovere un ciclo di nove appuntamenti informativi sul tema importantissimo delle donazioni di midollo

TREVISO Una storia lunga un quarto di secolo e una dedizione che non conosce soste: Admor Adoces dal 15 al 22 settembre sarà impegnata nell'organizzare e promuovere una serie di eventi nella Marca nell’ambito di "Match it now", la settimana nazionale dedicata alla donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche promosso dal Centro nazionale trapianti.

Il primo appuntamento è fissato per sabato 15 settembre a Paese, con l’illuminazione in rosso di Villa Panizza e della Fontana di Nettuno a Conegliano. L’associazione donatori midollo osseo e ricerca trevigiana Admor Adoces, fondata e presieduta da Alice Vendramin Bandiera, festeggia i primi 25 anni di impegno nella diffusione della cultura della donazione di midollo osseo e di sangue cordonale e si appresta ad affrontare una maratona di appuntamenti di informazione e sensibilizzazione in tutta la Marca Trevigiana: dal 15 al 22 settembre promuoverà nove appuntamenti, a cominciare dall’illuminazione di Villa Panizza, sede della biblioteca comunale di Paese (Treviso) in occasione del concerto “Tu” della cantante italo-armena Chiara Luppi in programma sabato 15 settembre alle 21, e della Fontana di Nettuno di Conegliano. Admor Adoces nella provincia oggi conta quindicimila soci donatori iscritti al Registro nazionale italiano dei donatori di midollo osseo Ibmdr, dei quali 131 donatori di cellule staminali emopoietiche (di cui è ricco il midollo) e 19 neomamme donatrici del sangue cordonale che hanno permesso di effettuare 150 trapianti a favore di malati che non trovavano nell’ambito della propria famiglia un donatore compatibile.

E’ tuttavia necessario accrescere la grande famiglia dei donatori per poter aumentare le possibilità di compatibilità per i 1.600 pazienti che ogni anno in Italia non trovano un donatore volontario che renda loro possibile il trapianto. Per questo dallo scorso anno il Centro Nazionale Trapianti promuove la settimana di informazione e sensibilizzazione Match it now: nella Marca Trevigiana il compito di diffusione della cultura della donazione tocca ad AdmorAdoces, che ha promosso e organizzato ben 9 eventi. Si inizierà sabato 15 settembre illuminando di blu Villa Panizza a Paese in occasione del concerto “Tu” della cantante italo – armena Chiara Luppi alle 21.00 e la Fontana di Nettuno (detta anche Fontana dei cavalli) a Conegliano, e poi per tutta la settimana fino al 23 settembre. Verranno inoltre allestiti dei punti informativi all’ingresso degli ospedali della provincia: lunedì 17 settembre a Conegliano, lunedì 18 a Vittorio Veneto, martedì 19 a Castelfranco Veneto, mercoledì 20 a Oderzo e giovedì 21 a Montebelluna. Sabato 22 settembre i volontari di AdmorAdoces saranno a disposizione della cittadinanza a Treviso, in Largo Totila, dalle 14.00 alle 18.00, e domenica 23, sempre dalle 14.00 alle 18.00, nuovamente a Villa Panizza a Paese. Infine domenica 7 ottobre dalle 9.00 alle 19.00 a Castello Costaldo, in occasione della manifestazione Libri in cantina, sarà presente un punto informativo con la possibilità di preiscrizione al Registro nazionale dei donatori.

“Venticinque anni, e li dimostriamo tutti: – sottolinea con orgoglio Alice Vendramin Bandiera, presidente di Admor Adoces, che ha sede al Centro Trasfusionale dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso e opera in convenzione con l’Azienda Ulss 2 – se ci guardiamo indietro i progetti realizzati sono davvero tanti e significativi: sono ad esempio partite da Treviso, in forma pilota, le campagne di sensibilizzazione per la donazione del sangue cordonale “Nati per donare” (rivolta alle coppie italiane) e “Anche noi… nati per donare” (destinata alle coppie straniere e risultata tra i progetti vincitori nel 2015 di Women for Expo), adottate poi dalla Federazione Italiana Adoces, di cui facciamo parte, e presentate ufficialmente a Roma in collaborazione con il Ministero della Salute. Admor Adoces è nata venticinque anni fa a Paese come gruppo fondatore della realtà provinciale, con lo scopo di promuovere la donazione del midollo osseo per incrementare il numero degli iscritti al Registro nazionale italiano donatori di midollo osseo Ibmdr, a favore di tutti i malati candidati al trapianto che non trovano nell’ambito della propria famiglia un donatore compatibile. Negli anni successivi si è impegnata anche nella sensibilizzazione dei genitori alla donazione solidale del sangue del cordone ombelicale, altra fonte importante di cellule staminali per il trapianto di midollo osseo. I soci donatori, tipizzati e iscritti al Registro Ibmdr, sono oggi quindicimila, dei quali 131 sono donatori effettivi, e migliaia sono le mamme donatrici di sangue cordonale e 19 le unità compatibili inviate dalla Banca di Treviso a Centri di Trapianto italiani ed esteri. L’associazione opera nella provincia di Treviso in convenzione con l’Azienda Ulss 2 di Treviso, ma anche in quelle di Belluno e Venezia in convenzione con l’Azienda Ulss 1 di Belluno. I volontari collaborano quotidianamente con il personale dell’Ospedale di Treviso, con la Banca del Sangue del cordone ombelicale per la gestione di appuntamenti, richiami e altre mansioni di segreteria. È supportata da un Comitato scientifico composto da medici trapiantologi, trasfusionisti, genetisti, ostetriche, biologi, volontari ed esperti di comunicazione. Promuove e patrocina corsi di formazione e aggiornamento per i volontari, ostetriche e professionisti sanitari e incontri di sensibilizzazione con gli studenti degli istituti superiori; attraverso le proprie iniziative si adopera a raccogliere fondi per sostenere progetti e contratti di ricerca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

  • Terrore al bar, ubriaco litiga con la barista e le punta contro una pistola

Torna su
TrevisoToday è in caricamento