Ratuva Tavuyara ed Alberto Sgarbi ancora in biancoverde

Dopo un anno trascorso in biancoverde, il figiano può essere considerato una delle note più liete della stagione con 22 presenze e 10 mete

Il Benetton Rugby ha annunciato due estensioni di contratto (ad oggi in scadenza il 30 giugno 2020, ndr) sino al 30 giugno 2021, si tratta dell’ala Ratuva Tavuyara e del centro Alberto Sgarbi. Il primo, figiano nato a Sigatoka il 27 giugno 1990, pesa 100 kg ed è alto 186 cm. Cresciuto nella Ratu Kadavuleva School e poi passato agli Hamilton Old Boys, nella stagione 2016 ha vestito la la maglia dei Waikato insieme all’ex Leone Whetu Douglas e del tallonatore biancoverde Hame Faiva. Nello stesso anno Tavuyara si è piazzato al secondo posto in Mitre 10 Cup per mete realizzate dietro soltanto all’All Blacks Rieko Ioane degli Auckland.

Nell’aprile del 2017 chiamato da Bruce Reihana, allora skills coach del Bordeaux, Ratuva si è trasferito in Francia collezionando alcune presenze con la loro squadra di sviluppo e allenandosi con la prima squadra. Tornato in Nuova Zelanda Tavuyara ha chiuso la stagione con Waikato. Dopo un anno trascorso in biancoverde, può essere considerato una delle note più liete della stagione con 22 presenze e 10 mete (il Leone più prolifico nella stagione 2018/19, ndr); tra le caratteristiche principali la prestanza fisica unita ad una forte esplosività che gli hanno inoltre consentito di avere questi numeri, tra Guinness PRO14 e Challenge Cup: 60 difensori battuti, 33 offload, 30 clean break.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

  • Incendio alla "Carosello" di Castelfranco: capannone devastato

Torna su
TrevisoToday è in caricamento