Pallavolo: la Nazionale italiana trapiantati e dializzati arriva a Treviso

Gli azzurri saranno ospiti del Lupino Volley per la prima amichevole del 2020

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Sarà Treviso ad accogliere la prima amichevole del 2020 della Nazionale Italiana Pallavolo trapiantati e dializzati che torna a giocare con al collo la medaglia d’oro di campioni del mondo vinta agli scorsi World Transplant Games che si sono svolti la scorsa estate a Newcastle.

La squadra è nata nel 1997 grazie a ANED onlus (Associazione Nazionale Emodialisi Dialisi e Trapianto) che ha sede a Milano, e che dal 1972 si occupa di sostenere i pazienti dializzati e coloro che sono portatori di trapianto. Il match trevigiano sarà ospitato dalla storica società Lupino Volley, in cui milita anche l’azzurro Marco Mestriner, associazione che dal 1944 è impegnata a promuovere la pallavolo sia a livello giovanile che amatoriale, con l’obbiettivo di essere una preziosa scuola di vita e di inclusione, per uno “sport per tutti e di tutti”. In prima linea il presidente Omar De March che ci tiene a sottolineare: «Cogliamo con orgoglio l’occasione di portare in campo, davanti ai nostri piccoli e grandi atleti, questa Squadra, quale esempio di volontà, caparbietà e coraggio». La compagine della Nazionale che scenderà in campo sarà formata per lo più da atleti veneti, e questo rende orgoglioso il segretario regionale Aned Alessandro Nardini che sarà a bordo campo a tifare: «E’ sempre bello poter vedere come l’impegno della nostra Associazione per favorire l’avvicinamento allo sport dei pazienti possa dare vita a eventi come questo. L’attività fisica è uno dei principali obbiettivi che ci prefissiamo di promuovere, un farmaco a costo zero che porta con sé benefici sia dal punto vista fisico sia da quello del reinserimento sociale. Tutto questo senza dimenticare l’importante messaggio di sensibilizzazione alla donazione degli organi». L’appuntamento è quindi fissato per sabato 29 febbraio alle 19.30 presso la palestra delle primarie Rambaldo degli Azzoni a Treviso, per un match di volley che porterà con sé sicuramente un grande carico di emozioni.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento