Il Festival del Viaggiatore parte per la IV edizione

Il calendario della manifestazione, in programma ad Asolo dal 21 al 23 settembre, è pronto e annovera eventi per tutti i gusti e ospiti di spicco

ASOLO Il count down è cominciato. Tra poco più di un mese si alzerà il sipario sulla quarta edizione del Festival del Viaggiatore di Asolo, che andrà in scena dal 21 al 23 settembre, nelle più belle location dell’antico borgo. Tre giorni di incontri e racconti, lungo tre direzioni di viaggio – La via delle donne, Dalla rete alla vita, Geografie dell’esistenza – in compagnia di ospiti d’eccezione, provenienti dal mondo dell’arte, della cultura, della scienza, dell’imprenditoria, e dello spettacolo. Al centro, il viaggio come esperienza, racconto, percorso. Il Festival si aprirà in musica, il 21 settembre, con la voce inconfondibile di Enrica Bacchia, una delle interpreti jazz più note nel panorama internazionale, docente dell’Art Voice Academy, diretta dal M° Diego Basso. Il calendario entrerà nel vivo fin dalla mattina di sabato 22 settembre, con Maria Leitner, giornalista del Tg2 e “donna tra i motori, e con i racconti dalla Mongolia dell’antropologo David Bellatalla, Premio Montale al Viaggio 2018. Tra le esperienze imprenditoriali, interessante quella di Filippo Berto, tappezziere social, che porterà al Festival la poltrona realizzata da 400 mani in occasione della XXI Triennale di design di Milano.

Tra gli ospiti anche lo scrittore-marinaio Simone Perotti, Daniel Tarozzi con i suoi viaggi alla ricerca di quell’Italia che cambia e che i media non raccontano, e Martina Dell’Ombra, personaggio-fake nato dalla fantasia dell’attrice Federica Cacciola. Il Festival darà voce anche al progetto “Donne si fa storia”, che mette al centro la capacità tutta femminile di mettersi al servizio nei momenti più drammatici dell’umanità. Ospite speciale, Marina Massironi, attrice e per anni “il lato rosa” del trio Aldo, Giovanni e Giacomo. Il Festival proseguirà domenica 23 settembre con la virologa di fama mondiale Ilaria Capua. Con l’esperimento delle Social Street di Luigi Nardacchione. Con la sceneggiatrice Paola Mammini, David di Donatello per il film “Perfetti sconosciuti”. Con la “poesia del grano” del mugnaio salentino Ercole Maggio e con i fondatori della filiera “Anticamente” Mirko e Damiano Visentin, che disegneranno la geografia dei grani antichi.

Tra gli ospiti speciali, l’ex direttore di Sony Italia, Massimo Bonelli, che proporrà un viaggio nei pianeti della musica, da Michael Jackson a Bono degli U2, dai Pink Floyd a Leonard Cohen. Sempre nella musica, ci sarà il viaggio di Teresa Procaccini, la più grande compositrice classica italiana contemporanea. A chiudere il Festival, la cerimonia di premiazione del Premio Segafredo Zanetti, città di Asolo – UN LIBRO UN FILM, dedicato alla narrativa per il cinema. Sul palco, i finalisti della IV edizione: Roberto Alajmo (“L’estate del ‘73”), Mirko Sabatino (“L’estate muore giovane”), Stefano Turconi e Teresa Radice (“Non stancarti di andare”). Ospitespeciale Donatella Di Pierantonio, vincitrice della passata edizione del premio.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento