Cosa succede al tuo corpo quando ti arrabbi

La rabbia può essere un'emozione stimolante da affrontare. A volte la nostra rabbia può essere spaventosa o inappropriato. Quando la rabbia viene mal indirizzata, spesso porta a scelte sbagliate, relazioni danneggiate e persino violenza. Quindi, cosa sta realmente succedendo nel cervello e nel corpo, quando si scatena la rabbia?

Sono le 3 del pomeriggio e ti rendi conto di avvertire un senso di rabbia incontenibile, dopo aver intrapreso un colloquio con un tuo collega a lavoro oppure stai guidando e ti arrabbi ridicolmente con qualcuno che cerca semplicemente di cambiare corsia di fronte a te. Improvvisamente, ti ricordi che hai saltato il pranzo oggi e forse anche la colazione. Ora sei in uno stato di rabbia, probabilmente alimentato esclusivamente dalla fame. La fame, può avere effetti gravi e diretti anche sullo stato mentale di un adulto, se gli viene permesso di perdere il controllo. Ecco cosa succede quando muti e se preso dal demone della rabbia.

La glicemia scende

La prima cosa che succede quando inizi a diventare arrabbiato, è che i nutrienti del tuo pasto precedente stanno per essere consumati. Sebbene il tuo corpo abbia immagazzinato sostanze nutritive per le emergenze, vuole che tu mangi di nuovo in modo da non dover attingere ad esse.

Il glucosio, che proviene da alimenti che contengono carboidrati, è generalmente il carburante principale per il tuo corpo e il tuo cervello. Se i livelli di zucchero nel sangue, scendono troppo, il tuo corpo inizia a vederlo come un allarme e pericoloso per la propria salvaguardia. La priorità principale del corpo, è mantenere vivo il cervello, ma senza abbastanza glucosio disponibile, il tuo cervello inizia a trovare difficoltà a concentrarsi o a comportarsi, entro le norme sociali.

Lo stomaco vuoto, invia segnali al cervello

Il corpo ha molti sistemi che attua per aiutarti e incoraggiarti a mangiare e perché non arrivi allo stato di fame estrema. Quando la glicemia inizia a scendere, lo stomaco invia al cervello un segnale attraverso il nervo vago che segnala il bisogno di cibo. Questo segnale, è solitamente accompagnato da una sensazione di vuoto e forse un gorgoglio nello stomaco. Una volta che il segnale raggiunge il cervello, fa scattare una serie di segnali a cascata, verso altri organi del corpo per indicare che c'è una possibile emergenza a portata di mano. Come parte di quel meccanismo di segnalazione, il corpo inizia a rilasciare ormoni in risposta. Ci sono due principali ormoni rilasciati, che hanno lo scopo di incoraggiare il corpo a rilasciare lo zucchero immagazzinato, affinché i livelli di zucchero nel sangue aumentino di nuovo. Questi ormoni sono chiamati glucagone e ormone della crescita.  Il glucosio viene immagazzinato nel corpo in una forma chiamata glicogeno, che si trova principalmente nei muscoli e nel fegato. Il glucagone e l'ormone della crescita, indicano al corpo di iniziare a rilasciare il glicogeno per ripristinare i livelli di zucchero nel sangue e impedire al cervello, di rimanere senza cibo.

Aumento degli ormoni dello stress

Poiché il glucosio immagazzinato è limitato, il cervello invia anche un segnale di emergenza, dicendo al corpo di rilasciare gli ormoni dello stress, dalla ghiandola surrenale. Questi due ormoni sono epinefrina e cortisolo. Questi ormoni vengono rilasciati per attivare il meccanismo di "lotta o fuga", al fine di motivarti a uscire e trovare del cibo ad ogni costo. Inducono anche uno stato di ansia, perché il corpo si sta letteralmente preparando a “combattere” per il cibo, quando finalmente lo incontra. Dal momento che non cerchiamo più il nostro cibo, il corpo interpreta invece anche l'offesa più banale, come minatoria per la propria sicurezza personale.

Perdita degli ormoni del benessere

Oltre all'aumento degli ormoni dello stress, c'è un altro ormone che viene attivato quando lo stomaco è vuoto, chiamato grelina. La grelina, è un ormone che viene dallo stomaco ed è un segnale al cervello per indicarci di mangiare.  Quando la grelina è alta in assenza di cibo, i livelli di dopamina precipitano. Fondamentalmente, iniziamo a sentirci piuttosto tristi e arrabbiati, poiché abbiamo un livello inferiore di ormoni "benefici”, mentre gli ormoni dello stress continuano ad aumentare. I livelli di dopamina, influenzano anche la funzione mentale, la concentrazione e la capacità di tenere sotto controllo le nostre emozioni. Un'altra ragione per cui la fame si evolve rapidamente in ira.

Potresti abbuffarti

Come detto sino ad ora, il corpo ha diversi sistemi d’allarme che attiva per farti mangiare, per dirti quando hai fame, perchè il suo unico obiettivo è rimanere in vita. Per farlo, ha bisogno di cibo. Quando si è a dieta, specie se sottoposti a regimi da fame, sarai maggiormente predisposto a stati di rabbia e sicuramente predisposto ad avventarti su qualunque cosa e quindi d abbuffate, quando finalmente prendi del cibo. Se vuoi perdere peso, è meglio farlo a un ritmo più lento, consentendo al tuo corpo di adattarsi lentamente a un apporto calorico inferiore, piuttosto che cercare di morire di fame. Oltre ad avere reali risultati della dieta, ti permetteranno di non avere effetti deleteri anche in riferimento alle relazioni personali.

Consigli per superare la rabbia

  • Prima di dire o fare qualcosa di cui potreste pentirvene, lasciate che la vostra mente si prenda il tempo necessario per affrontare la questione con la calma;
  • fate respiri profondi;
  • cercate di concentrarvi sulla soluzione del problema;
  • cercate di scaricare la rabbia con l’attività fisica che fa sempre bene alla salute;
  • imparate a sorridere anche nei momenti terribili;
  • soprattutto imparate a perdonare.

Questi consigli possono dare un aiuto importante ma nel caso in cui, nel lungo periodo, non portano a dei piccoli risultati, si consiglia di consultare un esperto. Inoltre arrabbiarsi ogni tanto non è poi così grave: può essere sintomo di una liberazione dallo stress quotidiano, dandoci una scarica di adrenalina per ricaricarci o per cambiare qualcosa in noi stessi.

Psicologo, Psicoterapeuta Strategico - Via Filippini,3 Treviso

Gestione della rabbia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento