Esplosione a Marcon, trovato il colpevole: è un trevigiano

Un 55enne residente a Casale sul Sile è accusato di aver fatto esplodere una bomboletta di ossigeno in viale San Marco a Marcon per spaventare una donna con cui aveva avuto una relazione

Sarebbe un 55enne trevigiano, di Casale sul Sile, il responsabile dell'"attentato" messo in atto lunedì pomeriggio in viale San Marco a Marcon: una bomboletta metallica piazzata su un muretto e fatta esplodere, che ha causato un gran botto udito in tutto il quartiere, mettendo in allarme abitanti e negozianti. I carabinieri si sono subito messi al lavoro per scoprire chi fosse l'autore del gesto e lo hanno identificato nel giro di poche ore, anche grazie alle registrazioni delle telecamere che lo hanno ripreso mentre appoggiava la bomboletta e l'accendeva.

Stalking a Marcon

L'uomo, stando ai primi accertamenti, avrebbe agito con l'intenzione di minacciare la ex compagna, che abita in quella zona. I militari dell'Arma dovrebbero raggiungerlo in queste ore per procedere con una denuncia. Quello dell'esplosione, in realtà, potrebbe non essere l'unico atto persecutorio nei confronti della ex: la donna avrebbe parlato di altri episodi di stalking legati alla conclusione della relazione tra i due. Le indagini in questo senso sono in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento