Donne vittime di abusi: al via un nuovo servizio d'aiuto in tutti gli ospedali del Veneto

La Regione presenterà nei prossimi giorni una nuova iniziativa dedicata a tutte le donne intenzionate a denunciare episodi di violenza subita. Percorsi su misura per ognuna di loro

TREVISO Un percorso dedicato ad accogliere le donne che subiscono violenza sin dal momento in cui arrivano al pronto soccorso fino ai centri antiviolenza e alle case ‘rifugio’. Questo l'obiettivo del percorso di formazione per i ‘professionisti dell’emergenza’ che la Regione Veneto ha attivato sulla base delle 'Linee guida per le aziende sanitarie e ospedaliere in tema di soccorso e assistenza sociosanitaria per le donne che subiscono violenza'.

Sono coinvolti circa tremila medici e infermieri dei Pronto Soccorso del Veneto e medici di medicina generale, per un totale di 110 corsi attivati in tutte le Ulss e le Aziende Ospedaliere del Veneto, entro l’anno. Per il Programma di formazione – curato, per la parte scientifica, dal Coordinamento regionale Emergenza e Urgenza e, per la parte organizzativa, dalla Fondazione Scuola di sanità pubblica, con il coordinamento amministrativo dell’Unità organizzativa Cooperazione internazionale - la Regione Veneto ha destinato un milione di euro, trasferiti nel 2017 dalla Stato nel quadro del Piano straordinario contro la violenza sulle donne.

Soltanto circa una donna su dieci che subisce violenza decide di denunciare, continuando a subire per anni maltrattamenti e abusi fisici e psicologici – premette l’assessore regionale al Sociale – Un percorso strutturato, con operatori preparati che lavorano in collaborazione con i Centri Antiviolenza del territorio, consentirà alle donne che subiscono violenza di essere accolte al triage del Pronto Soccorso con un percorso dedicato, così da garantire tempestività della presa in carico, privacy e sicurezza. Qui comincerà un confronto con l'operatore sanitario, improntato alla cura, al sostegno e all’attenzione di eventuali figli, ma anche attento a conservare elementi importanti nell’eventualità la donna voglia procedere a denunciare l’autore della violenza. Non dimentichiamo che nella maggioranza dei casi si tratta di violenze domestiche che coinvolgono anche i figli e spesso la paura di denunciare è dovuta al timore di un loro allontanamento”. L’organizzazione del percorso, i contenuti, il calendario e le modalità organizzative dei corsi (è già partita la prima fase, cioè la formazione dei formatori per ogni Pronto Soccorso) saranno presentati agli operatori dell’informazione giovedì 8 febbraio, nella sala polifunzionale del Palazzo Grandi Stazioni della Regione Veneto (secondo piano, fondamenta Santa Lucia 23), alle ore 11.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Grave incidente frontale lungo la Feltrina a Onigo: morte due persone, feriti altri tre

  • Attualità

    Offese gratuite e commenti razzisti alla paziente: medico condannato a risarcirla

  • Cronaca

    Diatriba lungo il Terraglio termina in accoltellamento: 33enne finisce all'ospedale

  • Cronaca

    In auto senza assicurazione e patente e con possibile refurtiva: denunciati due 25enni

I più letti della settimana

  • Aggredita nel parcheggio del Panorama: mamma finisce in ospedale

  • In gita in montagna scivola per un centinaio di metri in un canalone: morto un 18enne

  • Ex miss Padania a processo per furto e ricettazione

  • Grave incidente frontale lungo la Feltrina a Onigo: morte due persone, feriti altri tre

  • In corriera senza biglietto: fuggono prendendo a calci controllori e studenti

  • Colpo dei ladri all'alba, postamat fatto saltare in aria con l'esplosivo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento