menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Piante di marijuana alte 3 metri: arrestato agricoltore di Pederobba

Un agricoltore di 30 anni è stato arrestato dai Carabinieri a Pederobba. In un vigneto coltivava, ben nascoste, una ventina di piante di marijuana alte tre metri

Da qualche tempo vedeva il figlio comportarsi in modo strano, poi nella sua camera da letto ha ritrovato della mariujana e ha deciso di denunciare lo spacciatore del ragazzo ai Carabinieri.

Così i militari sono arrivati fino alle pendici del monte Monfenera, dova I. Z., nato ad Asolo ma residente a Pederobba, stava allevando con tutte le cure possibile una ventina di piante di marijuana alte 3 metri.

Il giovane, 30 anni, di professione fa l'agricoltore, gestisce infatti un grosso appezzamento di vigneto della compagna e arrotonda coltivando e vendendo droga.

I Carabinieri hanno fatto un po' di fatica per scoprire il posto, nascosto tra gli alberi. Ieri però si è presentato il momento giusto e hanno arrestato l'agricoltore in flagranza mentre si prendeva cura della marijuana.

Ora il 30enne si trova nel carcere Santa Bona a Treviso con l'accusa di detenzione a fini di spaccio. Ai Carabinieri ha raccontato che lo faceva per arrotondare il suo stipendio da agricoltore, che è di 1500 euro al mese. E con la coltivazione e spaccio riusciva anche raddoppiare. La sua attività proseguiva da un anno. In casa sono stati trovati 6 grammi essiccati pronti per essere spacciati, 40 grammi di semi e un bilancino di precisione.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su