Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rubava le borse alle donne in bici, arrestato scippatore seriale

Michael Orlando, giostraio di 42 anni, è stato incastrato dalle indagini condotte dai carabinieri della stazione di Istrana. Gli episodi erano avvenuti nell'agosto scorso a Castelfranco, ai danni di due donne di 65 e 57 anni

 

Il 7 e l'8 agosto scorso si era reso protagonista di due scippi, messi a segno con la stessa tecnica, a Castelfranco: il primo episodio ai danni di una pensionata 65enne in via Abruzzi, il secondo in via Pagnana con vittima una casalinga 57enne. In entrambi i casi, a bordo di un vecchio scooter Aprilia, un cinquantino, il malvivente aveva affiancato, con il volto travisato da un casco integrale, le malcapitate che viaggiavano in sella alle loro bici, afferrando la borsa che tenevano nel cestino.

A dare un volto ed un nome a questo scippatore seriale sono stati i carabinieri della stazione di Istrana (nel video il comandante della Compagnia di Castelfranco Veneto, Enrico Zampolli) che hanno arrestato nei giorni scorsi un giostraio di 42 anni, Michael Orlando. Ad incastrarlo sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza (è stato immortalato in orari compatibili con i colpi, con l'abbigliamento riconosciuto dalle vittime) oltre ad una circostanza particolarmente sfortunata per il malvivente che proprio l'8 agosto, dopo lo scippo avvenuto in tarda mattinata in via Pagnana, era rimasto coinvolto in un incidente stradale, non grave, a Quinto di Treviso. Le forze dell'ordine, rilevando l'incidente, scoprirono che Orlando (pregiudicato per reati contro il patrimonio) non aveva neppure la patente di guida. Fortunatamente gli scippi non hanno mai portato a conseguenze gravi per le vittime che rischiarono comunque di cadere, ferendosi. Al vaglio del 42enne la possibile attribuzione di altri colpi simili, commessi nella zona in quel periodo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento