Lunedì, 22 Luglio 2024
Economia Quinto di Treviso

Le botteghe tradizionali reinventano il commercio di vicinato

Grazie all’Associazione Botteghe di Quinto ed Ascom-Confcommercio ci sarà una nuova rete di imprese e collegamenti tra settori commerciali ed educational per i consumatori

A Quinto di Treviso (circa 10 mila abitanti ed una sessantina di attività commerciali) le botteghe tradizionali hanno dato nuova vita all’Associazione “Botteghe di Quinto” presieduta da Shadia Mansour (commerciante di Edicola Righetto) rappresentata dalla fiduciaria di Confcommercio Treviso Alessandra Benzon, commerciante di abbigliamento Intimo Alessandra, insieme a Silvia De Marchi, consigliera comunale e commerciante anch’essa dell’omonima Ferramenta, con una forte azione di rilancio del commercio “sottocasa” con l’obiettivo di dimostrare tutto il valore e la forza del commercio di vicinato. Nei mesi di maggio e giugno si sono costituite reti informali di imprese, appartenenti a differenti merceologie, che hanno saputo unire le forze e coinvolgere i cittadini e i consumatori con educational tematici per creare una nuova consapevolezza dell’acquisto.

«Facciamo (in presenza) e con un dialogo diretto - spiega Alessandra Benzon – quello che propongono i blog in maniera spesso generica e più superficiale. Offriamo occasioni di informazione con i nostri esercenti, che sono persone altamente competenti, creiamo una vera cultura dell’acquisto offrendo percorsi di orientamento per acquisti importanti come la casa e l’arredo ad esempio. Sport, benessere e salute, arredi e fiori, immobiliare e assicurazioni, casa e qualità della vita, fashion e tendenze, cosmesi e invecchiamento: in questo modo parliamo concretamente, di molti temi come nutrizione, sport, assicurazioni, novità dei tessuti, materiali tecnici, armocromie, percorsi di benessere, rigenerazioni di oggetti. Oggi i consumatori sono bombardati da miriadi di offerte e proposte da piattaforme, grande distribuzione, outlet: noi rilanciamo con la fiducia e la competenza dimostrando che il commercio è prima di tutto “sapere”, che porta con sè l’evoluzione dei nostri negozi che nei decenni hanno saputo resistere e trasformarsi in luoghi di scambio e di dialogo»

L’edizione primavera-estate di educational ha registrato il tutto esaurito, mentre per l’autunno- assicurano le organizzatrici e tutto il direttivo dell’associazione sono in preparazione nuovi temi. A cominciare da cibo, tavola, decorazioni e mise en place. Confcommercio Treviso riconosce e plaude a questo percorso e alle sue protagoniste che interpretano i valori dell’associazione, con la capacità di guardare oltre alla propria attività e valorizzare il territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le botteghe tradizionali reinventano il commercio di vicinato
TrevisoToday è in caricamento