A Follina arriva il "Festival dei Madonnari"

Il 27 e 28 aprile ben 35 artisti si esibiranno lungo la via principale, da Usa, Messico, Francia, Germania e tutta Italia

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Il Comitato Festeggiamenti Farro, La Bella e Pedeguarda e il Comune di Follina organizzano nei giorni 27 e 28 aprile 2019 il 1° Concorso/Raduno Internazionale di Madonnari nel Veneto, che si inserirà nell’evento già collaudato Colori di Primavera, mercatino dell’hobbistica e artigianato, 4° edizione. L’evento ha il patrocinio e contributo dalla Regione Veneto e si fregia del logo Veneto-The Land of Venice. Saranno presenti all’inaugurazione il Sig. Carlo Bottani, Sindaco di Curtatone, piccolo borgo sulle sponde del Mincio, dove ogni anno si svolge la più importante rassegna internazionale di Madonnari in Italia e il Sig. Carlo Beduschi, il Presidente del Centro Italiano Madonnari. Al raduno, di respiro internazionale (sono già presenti le iscrizioni di artisti provenienti da Stati Uniti, Mexico e Germania), si esibiranno oltre 30 pittori dell’asfalto, i così detti Madonnari, che utilizzeranno come loro tele i manti stradali delle vie del centro storico di Follina, oggi “Uno dei Borghi più bello d’Italia”.

Il concorso si svolgerà lungo un arco di tempo di 24 ore ininterrotte, che inizieranno alle 16:00 del 27 aprile e si concluderanno alle 16.00 del 28 aprile 2019. Durante la manifestazione gli artisti verranno accolti ed alloggiati in strutture messe a disposizione dell’associazione organizzatrice e dal Comune di Follina. La finalità del concorso è quella di promuovere e valorizzare i luoghi, la storia e la cultura del borgo attraverso quello che in Veneto è in assoluto un evento inedito, dove il colore e il folklore incontreranno l’esigenza di salvaguardare e dare continuità all’antica tradizione madonnara di dipingere sul suolo stradale. Le opere pittoriche che si realizzeranno saranno espressione dell’arte figurativa, coerenti con il tema sacro popolare di ispirazione cristiana, tipicamente di tradizione madonnara, pur narrando anche il tema profano.

I materiali utilizzati saranno quelli propri dell’arte effimera; colori e gessetti non sono infatti destinati a durare nel tempo. Particolare e caratteristica sarà la tradizionale benedizione impartita ai principali strumenti di lavoro, i gessetti appunto, che avverrà ad apertura della manifestazione, sabato 27 aprile, dopo la Santa Messa, officiata alle ore 15.00 dai Servi di Maria nell’Abbazia di Follina. A seguire, gli artisti inizieranno i lavori che si protrarranno per tutta la notte, tanto che, alla fine delle due giornate di manifestazione, il centro storico di Follina si ornerà di una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto.

La manifestazione è un concorso a tutti gli effetti a cui tutti i partecipanti aderiranno sottoscrivendo un apposito regolamento di partecipazione. Il concorso sarà soggetto ad un doppio ordine di votazione. Il voto espresso da una giuria artistica allo scopo costituita e composta da Giovanni Mascia, giovane pittore sardo ma da anni residente in Veneto, Francesco Michelin, pittore, incisore e disegnatore originario di Villorba ma da molti anni residente a Follina e Francesca Brandolini d’Adda, conosciuta ed apprezzata artista nella tecnica dell’acquerello, anch’essa residente a Follina, e il voto popolare espresso dai visitatori della manifestazione.

L'incontro prevederà diverse categorie, ciascuna con tre vincitori:

Premio Città di Follina alla migliore opera in cui sia espresso un omaggio al paese

Premio Croce alla migliore opera a tema sacro

Premio Vita alla migliore opera a tema profano

Sono previsti premi speciali quali il premio alla creatività per i dipinti a tema specifico e quello della giuria popolare. Tutti i partecipanti avranno un attestato di merito. A contorno dell’evento le consuete casette di legno, tipiche di Colori di Primavera, che ospiteranno espositori selezionati nelle diverse categorie merceologiche, coerenti con il tema scelto per l’intera manifestazione e la irrinunciabile proposta gastronomica, con piatti tipici della tradizione veneta. Peculiarità sarà anche in questa occasione l’allestimento dello speciale “Stand senza glutine”, che da sempre contraddistingue e connota le manifestazioni del Comitato festeggiamenti di Farrò, La Bella e Pedeguarda.

Potrebbe Interessarti

  • «Accusati da un gruppetto di persone»: i fratelli Stella contro minacce e messaggi d'odio

  • Treviso, Roncade, Olmi, Silea, Merlengo: perchè si chiamano così?

  • Treviso si sveglia all'alba per le vie del centro con la "5 alle 5"

  • I fratelli Stella: «Addolorati e vicini alla famiglia di Alessandro Sartor»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento