La trevigiana Arper si candida al prossimo compasso d’oro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Il nuovo exhibit design di Arper, progettato da MAIO Architects con Jeannette Altherr, è stato selezionato nella pubblicazione ADI Design Index 2018: un approccio profondamente innovativo per far dialogare le collezioni con l’architettura. Lo stand presentato al Salone del Mobile del 2017, progettato dallo studio d’architettura MAIO di Barcellona insieme a Jeannette Altherr/Studio Lievore Altherr, che ha la direzione creativa del visual concept Arper, esprime un modo inedito di pensare l’exhibit design. Il sistema è formato da elementi semplici che sono componibili e riorganizzabili, per disegnare molteplici tipologie di spazio: questi elementi sono essi stessi struttura, in quanto autoportanti, semplici da montare ed efficienti. Percorsi e stanze sono quindi modulabili comprimendo o espandendo gli spazi, in rapporto alle necessità di racconto espositivo dei prodotti, e possono configurare volumi totalmente diversi, sia nella forma sia nei materiali, definendo di volta in volta allestimenti aperti e comunicanti o aree più raccolte. Il sistema espositivo è in grado di riadattarsi ed evolversi a seconda delle necessità e delle situazioni, assumendo modalità espressive sempre nuove. ADI ha riconosciuto il forte impegno che da anni Arper persegue nell’ambito della comunicazione globale – dal prodotto all’exhibit, dalla fotografia alla grafica – in forte coerenza con il prodotto, per proporre un livello sempre più evoluto e completo del design, in un approccio che afferma e continua ad alimentare l’identità e i valori del brand. La pubblicazione ADI Design Index 2018 è stata presentata il 15 ottobre a Milano - Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, in concomitanza con l’inaugurazione della mostra dei prodotti selezionati. Dal 20 novembre la mostra farà tappa a Roma presso l’Acquario Romano-Casa dell’Architettura.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento