rotate-mobile
Attualità Sant'Ambrogio di Fiera / Via Sant'Ambrogio, 37

Tumori al seno, Ulss 2 interrompe la convenzione con "Amiche per la pelle"

Dopo le dichiarazioni della presidente Manuela Tonon, il direttore generale Benazzi ha risposto con i dati alla mano: «A Treviso nessuna attesa per screening e interventi chirurgici. Solo la sanità pubblica può garantire cure adeguate alle pazienti»

Pugno duro dell'Ulss 2 dopo le dichiarazioni di Manuela Tonon, presidente dell'associazione "Amiche per la pelle" che aveva lamentato nei giorni scorsi molte difficoltà e lunghe liste d’attesa per la prevenzione del tumore al seno nella sanità pubblica in provincia di Treviso.

Un attacco frontale che ha suscitato rabbia e sgomento tra i vertici dell'Ulss 2 e che ha portato alla decisione di interrompere la convenzione in essere con l'associazione trevigiana. Fino ad oggi le tesserate di "Amiche per la pelle" potevano usufruire di una serie di trattamenti convenzionati (come il tatuaggio dell'areola del capezzolo dopo l'intervento chirurgico o del sopracciglio dopo la chemioterapia) negli ospedali dell'Ulss 2. Con la fine della convenzione non sarà più possibile. Giovedì mattina, 11 aprile, il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi, è intervenuto da Villa Carisi per mettere in chiaro i numeri della sanità pubblica nell'ambito della prevenzione e della presa in carico delle pazienti con tumore al seno. «Ci tengo a precisare - spiega - che a Treviso e provincia non ci sono liste d'attesa né per gli screening né per gli interventi chirurgici di tumore al seno. Treviso è il secondo centro in Veneto per numero di interventi fatti su pazienti operate per tumore al seno. Nel 2023 sono stati fatti 814 interventi, solo venti in meno rispetto a Padova, prima in Veneto. Tutte le pazienti che ne fanno richiesta vengono subito prese in carico dalle "Breast Unit", centri senologici pubblici che prendono in carico la paziente a 360 gradi, dallo screening fino alla terapia. Le pazienti con diagnosi di tumore al seno che si rivolgono alla sanità privata - aggiunge Benazzi - vengono invece rimandate alle "Breast Unit" pubbliche perché il privato puro non ha i mezzi economici e strumentali per eseguire radio o chemioterapie con costi e complessità che solo la sanità pubblica riesce ad erogare - conclude Benazzi -. Le parole della presidente Tonon fanno male ma non solo a noi, anche ai cittadini e alla sanità privata. Su malattie come il tumore al seno non deve esserci motivo di contendere. Il privato non può garantire la stessa efficenza di cure che la nostra sanità riesce a dare in quest'ambito».

I numeri

Insieme al direttore generale Benazzi, sono intervenuti anche il dottor Stefano Formentini, direttore sanitario dell'Ulss 2, la dottoressa Claudia Weiss, responsabile della Radiologia Senologica e i dottori Berna e Rizzetto. «Nel 2023 tutte le 10.781 prestazioni senologiche prenotate via Cup a Treviso e provincia sono state eseguite nei tempi previsti senza liste d'attesa - ha detto il dottor Formentini -. Numeri che per il 2024 sono destinati anche ad aumentare, infatti solo nei primi mesi di quest'anno sono già 1600 le prestazioni prescritte ed erogate dalla nostra azienda sanitaria». La dottoressa Weiss ha invece fatto un focus sulle fasce d'età in cui il tumore al seno sta venendo diagnosticato nella Marca. «La fascia più colpita è quella tra i 70 e i 74 anni. C'è però da dire che l'incidenza di casi è in aumento nella fascia d'età di donne tra i 45 e i 49 anni. Per questa categoria la Regione ha già stanziato i fondi per gli screening gratuiti per le donne dai 45 ai 49 anni. Negli ultimi sette anni i casi di tumore al seno scoperti a Treviso e provincia sono stati 4900, una media di 8 ogni mille diagnosi. Solo 4 casi su 4900 hanno riguardato pazienti con meno di 40 anni. L'appello a tutte le donne - conclude - è quello di non rivolgersi al fai da te ma, se si hanno sospetti di familiarità o anche solo per tenersi controllate, di rivolgersi subito alla sanità pubblica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumori al seno, Ulss 2 interrompe la convenzione con "Amiche per la pelle"

TrevisoToday è in caricamento