menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: Alessandra Polin

In foto: Alessandra Polin

Assindustria: i giovani imprenditori si riuniscono in assemblea

Venerdì 26 ottobre a Villa Borromeo di Sarmeola di Rubano l’assemblea costitutiva del gruppo giovani imprenditori. Interviene il presidente dei Giovani di Confindustria, Alessio Rossi

“Attori del presente. Protagonisti del futuro”: è questo il titolo dell'assemblea generale 2018 per la prima volta congiunta dei Giovani Imprenditori di Padova e Treviso, che si terrà venerdì 26 ottobre, alle ore 17, a Villa Borromeo di Sarmeola di Rubano. 

Un’assemblea di particolare rilevanza che sancirà la costituzione di un unico gruppo Giovani imprenditori di Assindustria Venetocentro, in coerenza con l’istituzione della nuova associazione nata lo scorso giugno dall’integrazione di Confindustria Padova e Unindustria Treviso, la seconda in Italia nel sistema Confindustria con 3.300 imprese per 160.000 addetti. Innovazione come processo collettivo, competenze per comprendere e orientare lo sviluppo, sinergie con l’Università e il racconto di imprese apri pista. Ma anche la preoccupazione per il futuro del Paese e una politica economica che dimentica la scuola e i giovani e derubrica l’Industria e la formazione 4.0 con il rischio di bloccare lo sviluppo digitale del sistema produttivo. Sono questi i temi che saranno al centro dell’assemblea di venerdì. A partire dalle domande-chiave su cui sollecitare attori pubblici e privati, imprese e sistema educativo. E anche la politica. Qual è l’identikit delle imprese evolutive che hanno cambiato pelle e sono riuscite a crescere anche negli anni più duri? Quali competenze e skill per preparare i giovani al futuro? Come ripensare il sistema formativo? Come socializzare la lezione dei campioni del made in Italy, che esplorino le frontiere della meccatronica o quelle dei servizi? Quali politiche di lungo periodo per traghettare la trasformazione digitale (delle imprese e del lavoro)? 

I lavori saranno aperti da Alessio Rossi, presidente Giovani Imprenditori di Confindustria. Seguiranno gli interventi delle Presidenti dei Gruppi Giovani conferenti di Padova e Treviso, Anna Viel e Alessandra Polin su Competenze e Innovazione. Quindi le conversazioni su Università e Impresa: sinergie verso il futuro con Marco Bettiol, Professore associato Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Università di Padova, e Fabrizio Gerli, Professore associato Dipartimento di Management Università Ca’ Foscari Venezia. E con gli imprenditori Chiara Rossetto, amministratore Delegato Molino Rossetto (Pontelongo - Pd), Raffaele De Bettin Ceo Dba Group su Imprese in evoluzione. Seguirà la relazione di Loretta Falcone, Data scientist alla Nasa e Tedx Speaker, sulla rottura dei “paradigmi” come metodo per generare il progresso scientifico e tecnologico. Condurrà l'assemblea il giornalista Luca Barbieri.  «Con questa assemblea costitutiva i giovani imprenditori di Padova e Treviso danno il via al nuovo percorso associativo all’insegna del rinnovamento, dell’apertura e dell’inclusività - dichiara Anna Viel -. Vogliamo dare un messaggio positivo: i giovani imprenditori, e la loro rappresentanza sanno lavorare insieme, fare ‘sistema’ nel territorio, mettere in comune le molte buone pratiche presenti. Lo richiede la velocità del cambiamento, l’evoluzione tecnologica, il lavorare su filiere. Nei prossimi dieci anni nove posti di lavoro su dieci richiederanno skills digitali, ma il 44% degli europei tra 16 e 74 anni non possiede queste competenze. La prima Assemblea dei Giovani di Assindustria Venetocentro vuole riflettere sugli scenari futuri segnati da automazione e intelligenza artificiale, facendo proprio il punto di vista dei Millenials e la loro aspettativa di essere protagonisti. Bisogna prepararsi. Servono nuovi modelli formativi, skill diversificate e formazione continua. Ma anche un territorio reattivo al cambiamento e una politica capace di scelte per la centralità del lavoro e la crescita più che sussidi di Stato. Un Paese che sceglie i sussidi guarda al passato e manda ai giovani un messaggio sbagliato».   

«Vogliamo essere un gruppo Giovani imprenditori forte e coeso - dichiara Alessandra Polin - anche per rappresentare agli altri giovani di questo territorio i valori, la motivazione e l’entusiasmo del fare impresa, anche con un dialogo costante con il mondo della scuola. I dati segnalano che sono in diminuzione le nuove imprese condotte da giovani, nonostante proprio da Padova e Treviso abbiano preso il via importanti start up. Il nostro impegno è fare di più e trasmettere un messaggio di fiducia, anche in un contesto che guarda più alla tutela assistenziale e ad anticipare la data della pensione piuttosto che sostenere il rischio e l’investimento. Noi crediamo invece a un ruolo attivo delle giovani generazioni, nell’impresa e non solo, che guardi al merito e all’innovazione e che ci veda protagonisti di un vero cambiamento per fare fronte alle profonde trasformazioni di un mondo che non è più quello del passato. Impegno nostro e di tutta Assindustria Venetocentro è che i nostri giovani rimangano e trovino qui, anche con il nostro esempio, le ragioni per crescere e contribuire allo sviluppo di un territorio che è al centro dello sviluppo italiano ed europeo». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento