Da star de "La sai l'ultima" a orfana: la comica Giusy Zenere cerca la madre biologica

Nata a Treviso, è diventata popolare tra il 1995 e il 1999 per aver partecipato al noto show televisivo. Ora, dopo la morte della madre adottiva, è alla ricerca delle sue origini

La Zenere dalla D'Urso lo scorso weekend

Comica, cabarettista, conduttrice radio e tv, ma soprattutto star per molti anni (tra il 1995 e il 2004, vincendo anche l'edizione del 1996) del noto show televisivo "La sai l'ultima" in onda su Canale 5. Lei è Giusy Zenere, comica trevigiana residente nel vicentino e oggi salita agli onori della cronaca per una triste vicenda che l'ha vista protagonista fin da bambina. Nata nel 1964, Giusy viene abbandonata in un'orfanotrofio dai propri genitori naturali a pochi giorni dal parto. All'epoca la mamma probabilmente era 18enne e il padre 22enne, mentre Giusy rimane nella struttura per 18 mesi finché non viene adottata da una coppia vicentina. Grazie a loro cresce, diventa adulta e si afferma professionalmente. Solo però nell'ultima settimana il suo nome è ricomparso al pubblico, ossia dopo la sua partecipazione sabato scorso alla trasmissione televisiva "Live-Non è la D'Urso" su Canale 5.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A spingerla a presentarsi in televisione, come da lei dichiarato, è stata la storia della showgirl Paola Caruso che, nella scorsa edizione del programma, dopo numerosi appelli è riuscita ad incontrare la sua madre biologica Imma. Giusy ha infatti da poco la mamma adottiva Cleofe, all'età di 104 anni, la quale in punto di morte ha spinto la figlia a ricercare le sue origini, sperando non sia così rimasta totalmente sola al mondo. Proprio per questo motivo Giusy sarà ora aiutata in questo percorso di ricerca dai collaboratori del programma, ma soprattutto da Paola Caruso e Imma che offriranno gratuitamente il loro supporto dopo aver già vissuto in passato una simile situazione. In ogni caso, purtroppo, nessuno si è ancora fatto vivo con Giusy, ma la speranza rimane e si attendono novità già dalle prossime settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento