Caffè letterari di arte visiva e poesia: "Immagini e Conflitti"

Quarto ed ultimo incontro dei Caffè letterari di arti visive e poesia curati da Laure Keyrouz e presentati dal centro di arte contemporanea no-profit ZACC (Zonca Art Contemporary Center) e da Inchiostroepietra blog and magazine di arti contemporanee, poesia e filosofia presso la Villa Relais Barco Zonca di Arcade (Treviso).

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Domenica 29 maggio 2016 ore 16:30 - Villa Relais Barco Zonca

Quarto ed ultimo incontro dei Caffè letterari di arti visive e poesia curati da Laure Keyrouz e presentati dal centro di arte contemporanea no-profit ZACC (Zonca Art Contemporary Center) e da Inchiostroepietra blog and magazine di arti contemporanee, poesia e filosofia presso la Villa Relais Barco Zonca di Arcade (Treviso).

L'appuntamento conclusivo del ciclo, dedicato quest'anno al tema Immagini e Conflitti, è previsto per domenica 29 maggio a partire dalle 16,30 nella consueta cornice offerta dal salone della Villa.

Numerosi ed eterogenei come sempre gli ospiti: dal poeta Jean Claude Crommelynck alla performer ed attrice Serra Bernhardt che arriva da Parigi, passando per il curatore Carlo Sala, che presenterà l'inganno della «messa in forma», dove molti degli autori acclamati dal pubblico di massa narrano i conflitti attraverso una fotografia che - usando le parole di Roland Barthes - «ci dispensa dal ricevere profondamente l'immagine nel suo scandalo» e che «non sa disorganizzarci». A questa si oppongono le ricerche visive che, invece, oltrepassando la retorica dell'iperrealtà diretta, sanno problematizzare ed indagare i fenomeni così da restituire al fruitore una capacità di lettura critica. Questo ragionamento parte da alcuni lavori ormai storicizzati di Alfredo Jaar e Christian Boltanski.

Parteciperà all incontro l'artista visiva torinese Maura Banfo che condividerà con il pubblico un progetto legato alla ricerca di un'identità attraverso l'abitare e il suo concetto. Il nido ed il guscio divengono metafora della casa, della relazione, della cura intesa come un modo per ri-dare ed accompagnare la forma (un corpo trova nel proprio nido la forma di sé, si plasma e si arrotola per farlo in maniera gentile).

Il tema della "ossessione del visibile" è l'argomento dell'intervento del critico d'arte e curatore Pietro Gaglianò, che si occupa da sempre del rapporto tra l'estetica del potere e le libertà individuali: la sua riflessione sulla criticità della memoria collettiva, le estetiche del potere e le forme delle contronarrazioni, è convogliata nel recente volume "Memento. L'ossessione del visibile" (Postmedia books, 2016).

L'artista torinese Paolo Leonardo combatte una personale "guerra" delle immagini: il suo intervento pittorico parte dall'appropriazione delle immagini fotografiche tipiche della contemporaneità, come i manifesti pubblicitari, e le conduce nel territorio della pittura. In questo modo, semplici scatti promozionali acquisiscono una carica visionaria, trasformandosi in vere e proprie opere d'arte, e vengono sottratti all'oblio.

Per informazioni:

info@inchiostroepietra.org - tel. 347-3430686

Ingresso con offerta libera - aiutaci a sostenere l'arte (minimo 2 euro)

Eccezionalmente domenica 29 alle ore 16.00 potrete partecipare a una visita guidata a Villa Della Zonca.

A fine serata una degustazione di un piatto tipico locale di cucina regionale casalinga km 0.

Confermate la tua partecipazione alla cena con gli artisti (5 euro a persona) inviando una e-mail a info@relaisbarcozonca.com oppure telefonando al numero Tel. 0422.720078

Promotori: Famiglia Della Zonca, Relais Barco Zonca, Comune e Biblioteca comunale di Nervesa

Supporto organizzativo: Associazione Anteas

Con la collaborazione di: Susanna Crispino, Bruna dal Secco, studio lab. ZACC (Ambra Ferraro, Elisa Vladilo, Elena Lunardi, Cristina Calderoni, Tommaso Ceccanti)

Prossimo Appuntamento: Mostra Collettiva Settembre 2016

Torna su
TrevisoToday è in caricamento