rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

A Montebelluna parte il progetto di Ca' Bolani

La posa della prima pietra sabato 22 giugno. Il progetto è seguito dalla cooperativa sociale Orchidea di Valdobbiadene, la cooperativa sociale agricola Montelletto, l'Ulss 8 di Asolo e il Comune

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Il progetto Ca' Bolani è un innovativo piano di ristrutturazione e riabilitazione per persone con disagio psichiatrico che la cooperativa sociale Orchidea di Valdobbiadene, insieme alla nuova nata cooperativa sociale agricola Montelletto, realizzeranno a Montebelluna, in sinergia con l'Ulss 8 di Asolo ed il Comune di Montebelluna.

Nell'area troveranno posto 2 gruppi appartamento protetto, 1 nuovo centro diurno, 1 piccolo agriturismo biologico, campi sportivi ed 1 bicigrill ideato per i cicloturisti. I cantieri di realizzazione apriranno il 1° luglio 2013 e richiederanno all'incirca un anno di lavoro.

La cerimonia di posa della prima pietra si terrà sabato prossimo 22 giugno alle ore 11 in via 18 Giugno a Biadene di Montebelluna, presenti le autorità del territorio.

"L'iniziativa è ispirata da un forte senso di sussidiarietà, - commenta Adele Lisi, presidente della cooperativa Orchidea - e negli intenti vorrebbe offrire al territorio l'accesso ad un paniere variegato di attività, sociali e produttive, per facilitare la vita delle persone più deboli e meno fortunate. Come cooperativa abbiamo investito nel progetto oltre 2 milioni e 400mila euro".

L'area Ca' Bolani, di proprietà del Comune di Montebelluna, si sviluppa su una superficie di 17mila mq, alle pendici del Montello. Al suo interno vi sorge un edificio, in grave stato di degrado, che sarà ristrutturato e riorganizzato, ricavandone 2 gruppi appartamento ed 1 piccolo agriturismo. A fianco sarà realizzato un edificio ex novo, che ospiterà la sede del nuovo centro diurno per malati psichici, un laboratorio per la lavorazione di piccoli frutti e una sala smielatura. Complessivamente, la struttura di Ca' Bolani accoglierà 28 utenti del Centro di Salute Mentale dell'Ulss 8. Le attività realizzate saranno di tipo socio-riabilitativo, ma anche socio-occupazionale, in quanto gli utenti saranno impiegati in piccole attività di coltivazione agricola, apicoltura e nella produzione di confetture e marmellate. Inoltre, funzioneranno un agriturismo biologico ed un bicigrill (con ristoro, manutenzione delle bici, punto informativo per cicloturisti), così come sarà realizzata un'area polifunzionale per attività sportive di calcetto, pallavolo e pallacanestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Montebelluna parte il progetto di Ca' Bolani

TrevisoToday è in caricamento