Banca Finint, plafond di 100 milioni per le pmi del Veneto

Siglati anche gli accordi con Assindustria Venetocentro e con Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia Rovigo, che consentiranno alle aziende associate di accedere ai finanziamenti per supportare gli investimenti e dare un nuovo impulso alla ripartenza

Enrico Marchi

Un plafond di 100 milioni di euro dedicato alle imprese del Triveneto per finanziare i loro percorsi di crescita e supportarle nella complessa fase di ripresa delle attività conseguente all’emergenza Covid-19: è l’iniziativa con cui Banca Finint intende dare un nuovo impulso alla ripartenza del territorio nordestino e delle imprese che ne sono il motore trainante. Il plafond mette a disposizione delle aziende del Triveneto finanziamenti, anche grazie alla garanzia offerta dal Fondo Centrale, per investimenti finalizzati alla crescita, all’innovazione e al rafforzamento sui mercati o per dare un nuovo slancio ad aziende ad alto potenziale di sviluppo che necessitano di liquidità per supportare la ripartenza post emergenza Coronavirus. Proprio nell’ottica di creare una sinergia sempre più forte per sostenere il sistema industriale territoriale, Banca Finint ha inoltre siglato con Assindustria Venetocentro e con Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia Rovigo due accordi che consentono alle imprese associate di poter conoscere le opportunità e presentare la propria richiesta per accedere al plafond di finanziamenti a condizioni agevolate. Alle imprese potranno essere erogati finanziamenti chirografari a condizioni competitive che vanno da un importo minimo di 100.000 a un importo massimo di 1.500.000 euro: la durata del finanziamento può variare a seconda della finalità (investimento o liquidità).

«Banca Finint è da sempre attenta alle esigenze delle imprese del territorio – commenta Enrico Marchi, Presidente di Banca Finint – Sin dalla sua nascita, la nostra missione è di essere una banca di investimenti radicata sul territorio e al servizio dello sviluppo del Nordest e delle sue aziende. La crisi economica causata dalla pandemia da Coronavirus ha toccato inevitabilmente anche il nostro territorio, mettendo le aziende di fronte a grandi incertezze ma anche a nuove sfide e opportunità di sviluppo. E proprio in questa prospettiva si inserisce il nuovo plafond che guarda al futuro e alla crescita ed è rivolto alle imprese eccellenti del Triveneto che intendono sostenere il proprio percorso di sviluppo con investimenti in tecnologie, innovazione e beni mobili o che vogliono rafforzare il proprio posizionamento e necessitano di una spinta propulsiva di liquidità per ripartire e adattarsi in breve tempo ai cambiamenti del mercato che la pandemia da Covid-19 ha comportato. Le crisi nascondono sempre delle nuove opportunità di cambiamento e proprio in circostanze come questa le imprese del Triveneto hanno sempre manifestato la capacità di sprigionare nuove energie e nuove forze per lo sviluppo. Per far sì che questo avvenga crediamo sia fondamentale fare sinergia e attivare forme di collaborazione, come quelle avviate con le Associazioni degli industriali di Padova-Treviso e Venezia-Rovigo, per rispondere più efficacemente alle esigenze finanziarie delle imprese che rappresentano il vero motore della crescita. Con questo plafond vogliamo perciò contribuire a tenere acceso il motore del nostro territorio, mettendo il nostro know-how finanziario a servizio dell’economia reale e dello sviluppo del Nordest».

«L’accordo con Banca Finint – dichiarano i vertici di Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova Treviso, Maria Cristina Piovesana e Massimo Finco – è un nuovo, importante passo nella collaborazione dell’Associazione e primarie banche per consentire alle imprese di ricevere i flussi finanziari necessari alla loro operatività e programmi di investimento in questa fase complessa dell’economia. Il Servizio Finanza di Assindustria Venetocentro è partner attivo delle banche e delle imprese per poter valutare rapidamente l’effettivo merito di credito e le prospettive di crescita, al di là dei dati spesso negativi di questi mesi, attraverso strumenti di rendicontazione e una relazione diretta e professionale, quanto mai preziosa in questo periodo difficile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’intesa sottoscritta tra Banca Finint e la nostra Associazione offre una possibilità in più alle attività produttive del territorio – dichiara Vincenzo Marinese, Presidente di Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo – L’accordo di collaborazione intende fornire un valido supporto alle esigenze finanziarie delle aziende, che in questo periodo hanno un urgente bisogno di liquidità. In particolare, Finint apre un fronte sugli affidamenti diretti di credito alle imprese. Un’opportunità aggiuntiva, a disposizione degli associati, che potranno comunque beneficiare anche della garanzia del Fondo Centrale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento