rotate-mobile

Dimissioni Stefano Marcon: «Soluzione entro la prossima settimana»

Continua a tenere banco la scelta del sindaco e presidente della Provincia di rinunciare alle sue cariche istituzionali. Dimitri Coin: «Il commissariamento di Castelfranco sarebbe un disastro». Martina Bertelle: «In Provincia eventuali elezioni in autunno»

Sono giorni di trattative non facili quelli che la Lega e la Provincia di Treviso stanno vivendo dopo le dimissioni di Stefano Marcon sindaco dimissionario di Castelfranco Veneto e presidente dell'Ente provinciale al Sant'Artemio. Venerdì 14 luglio le dimissioni di Marcon potrebbero diventare effettive se non saranno raggiunti nuovi accordi, portando al commissariamento del Comune di Castelfranco Veneto e a nuove inevitabili elezioni dopo l'estate per la Provincia.

Venerdì 30 giugno il presidente Marcon era atteso all'inaugurazione della rotonda "Al Baston" di Ponzano Veneto (co-finanziata dalla Provincia) ma al suo posto si sono presentati la vicepresidente Martina Bertelle e l'onorevole Dimitri Coin, segretario provinciale della Lega a Treviso. Proprio Coin è tornato sulle dimissioni di Marcon con queste parole: «Spero che entro la prossima settimana si trovi un accordo, riuscendo a convincere Marcon e a far rientrare le sue dimissioni. I problemi - continua Coin - sono nati all'interno della Giunta di Castelfranco, in attesa del 14 luglio si sta lavorando per smussare le criticità. Ricordo che Castelfranco Veneto è un comune di 30mila abitanti, se venisse commissariato sarebbe un vero e proprio disastro. Ad oggi ci auguriamo tutti che questo scenario possa essere scongiurato già a metà della prossima settimana. Per quanto riguarda la guida della Provincia lì i numeri sono ancora più grandi - conclude Coin -. Si parla di 880mila trevigiani che hanno necessità di riavere al più presto un presidente della Provincia. Il mio appello a Marcon quindi resta sempre lo stesso: rientri a ricoprire i ruoli che gli sono stati affidati».

Parole ribadite anche dalla vicepresidente provinciale, Martina Bertelle: «Entro il 14 luglio io spero che il presidente ritiri le dimissioni e torni a ricoprire i suoi ruoli istituzionali. Se questo non accadrà dovrò convocare delle nuove elezioni dopo l'estate ed entro l'autunno».

«La vicenda di Castelfranco Veneto invita nuovamente a riflettere da una parte su quanto sia sempre più difficile fare gli amministratori locali e dall’altro su quanto la politica partitica possa influenzare non solo gli ideali alla base di un’amministrazione ma anche i componenti stessi - dichiara Maurizio Cattapan, presidente Confartigianato Imprese Castelfranco Veneto - Le elezioni sono la massima espressione di democrazia, sono il momento in cui i cittadini si esprimono rispetto a un candidato sindaco ma anche sulla squadra e quindi sui componenti di una futura amministrazione. Da qui si deve ripartire e non ci si deve mai dimenticare di essere rappresentanti di un interesse collettivo. Noi rappresentanti del mondo degli artigiani sentiamo la necessità di invitare tutti a una riflessione sul fatto dell’importanza di non delegare a un commissariamento il comune di Castelfranco Veneto - continua -. Lasciamo lavorare chi ha ricevuto la delega per farlo e non ingessiamo un territorio - e conclude -. Preferisco non entrare nelle dinamiche specifiche, il mio non è un giudizio su chi possa avere ragione o meno, premesso che di ragione si possa parlare. Il nostro è un invito alla responsabilità di essere rappresentanti di una cittadinanza, di una città centrale per la Castellana che sta continuando a crescere e dove tutti, in sinergia, stiamo facendo grandi sforzi. Sarebbe bello pensare che il bene comune prevalesse così come gli obiettivi comuni. Al diavolo personalismi e schieramenti, rimettiamo in ordine i valori del lavoro, della passione e dell’impegno. Il duro lavoro per noi artigiani è all’ordine del giorno, gli intoppi non mancano così come le difficoltà ma, i bravi artigiani riescono a superarle. Questo è quello che auspichiamo per Castelfranco, di superare questo momento di difficoltà, giusto il confronto costruttivo ma no ai ricatti. Ci vuole coraggio oggi per assumersi queste responsabilità, cerchiamo di ritrovarlo».

Video popolari

TrevisoToday è in caricamento