Fase 2, musica e locali a cielo aperto: «Treviso può diventare come Vilnius»

La proposta arriva dai titolari del Dump, locale in Galleria Bailo. Ispirandosi alla capitale lituana la loro idea è quella di sfruttare al massimo i plateatici per far ripartire

In foto una serata dell'evento dell'anno scorso "Nea meets Dump"

In vista della possibile riapertura dei locali dal 18 maggio in poi, il Dump sta valutando numerose soluzioni per poter rilanciare dopo il lockdown la propria attività, fatta di djset e musica dal vivo ma anche e soprattutto di drink e convivialità. E sfruttando la possibilità di avere più spazio esterno coi plateatici se l’idea del Comune di Treviso andrà in quella direzione. «Treviso può diventare come Vilnius, la capitale della Lituania» spiegano con speranza al Dump.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non sarà facile gestire la Fase 2 per i locali pubblici perché il distanziamento impone metri di distanza e molte accortezze dal punto di vista della sicurezza sanitaria - commentano ancora - però ci siamo sempre guardati in giro, con un occhio attento anche all’estero, e abbiamo visto l’esempio di Vilnius, la capitale della Lituania, una città all’avanguardia che ha già varato un piano di intervento per bar e ristoranti. La capitale baltica ha concesso l’apertura a chi dispone di spazi all’aperto, a patto che il servizio sia effettuato solo all’esterno e con un distanziamento minimo di due metri tra i tavoli, inoltre ha concesso di allargare il più possibile lo spazio per i locali, dando la possibilità di sfruttare strade e piazze adiacenti. In pratica, quest’estate Vilnius sarà un vero e proprio caffè diffuso a cielo aperto, consentendo così alle attività ristorative di sopravvivere durante l’emergenza Coronavirus e, allo stesso tempo garantire la sicurezza dei cittadini con distanziamento fisico dei tavoli, mascherine e tutti i dispositivi di sicurezza. Ecco, vista la disponibilità del Comune di Treviso nel concedere più spazi per i locali, nelle vie o nelle piazze, possiamo dire che la città potrebbe diventare come Vilnius ed essere davvero pionieristica in Italia da questo punto di vista, dimostrando visione in prospettiva».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento