rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Cronaca Cimadolmo

Ancora un furto di piantine di glera: sparite un migliaio di barbatelle

Colpo qualche giorno fa all'azienda agricola "Giacomazzi" di San Michele di Piave a Cimadolmo. Il danno ammonterebbe a 4mila euro. Indagano i carabinieri della Compagnia di Conegliano

Dopo i furti messi a segno in vigneti di Montebelluna e Maser, nei mesi scorsi, i "ladri di barbatelle" sono nuovamente tornati a colpire, stavolta a San Michele di Cimadolmo, presso l'azienda agricola Giacomazzi. Ignoti, nella notte tra venerdì e sabato, hanno trafugato un migliaio di piantine di uva glera che erano state recentemente acquistate e già piantumate. Il danno ammonta a circa 4mila euro, senza contare le ore di lavoro (ci è voluto circa un mese) per sistemare le piantine nel vigneto. I titolari dell'attività, Egidio, Elio e Bruno Giacomazzi, non hanno potuto far altro che rivolgersi ai carabinieri della Compagnia di Conegliano per denunciare il fatto; nel frattempo sono già state ordinate altre barbatelle da piantare. Visto il ripetersi di questi furti si ipotizza l'esistenza di una banda criminale organizzata nella commisssione di questo tipo di furti che si stanno ripetendo sia nella Marca che nel vicino Friuli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora un furto di piantine di glera: sparite un migliaio di barbatelle

TrevisoToday è in caricamento