Cronaca

Un digital champion in casa di riposo

Nato nel 2013 per mettere in comunicazione gli ospiti della Casa di Soggiorno Prealpina con i loro familiari, il progetto Nonni 2.0 affronta ora una nuova sfida: ospitare il Digital Champion Matteo Troìa per spiegare internet, tablet e Facebook agli anziani ospiti.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Nell'autunno del 2013, Casa di Soggiorno Prealpina ha lanciato l'innovativo progetto Nonni 2.0, un programma di comunicazione via Facebook per gli ospiti della casa di riposo. Ora accetta una nuova sfida: ospitare il Digital Champion Matteo Troìa, che racconterà agli ospiti e ai ragazzi dell'Istituto Filippin di Paderno del Grappa come insegna internet a bambini e anziani.

Potrebbe sembrare un semplice incontro intergenerazionale, ma non lo è: in Casa di Soggiorno Prealpina, le operatrici che per un anno e mezzo hanno seguito quotidianamente il progetto Nonni 2.0 sanno bene che non è facile introdurre tablet e app in un luogo dove fino a ieri si giocava a tombola. Ci sono voluti mesi, sono servite pazienza e costanza, e tuttora probabilmente gli ospiti non saprebbero ripetere il nome di quell'aggeggio che ogni tanto chiedono alla psicologa di poter utilizzare per vedere com'è fatto un animale di cui non hanno mai sentito parlare, o per trovare una ricetta che vorrebbero sperimentare durante il laboratorio di cucina. Eppure, in casa di riposo oggi si respira un'aria nuova, un po' più tecnologica, grazie alla lungimiranza del dott. Rodolfo Franceschetto, direttore di Casa di Soggiorno Prealpina e al prezioso contributo della psicologa Fiorella e dell'educatrice Nicoletta che operano direttamente con i nonni.

Col tempo, il desiderio di imparare ad approcciarsi a internet, di utilizzare nuovi strumenti, di approfondire tematiche digitali ha conquistato la maggior parte delle persone coinvolte e non solo, al punto che anche operatori esterni al progetto iniziano a fare progressi notevoli nell'utilizzo di internet, incoraggiati dall'introduzione del digitale in struttura.

Per questo motivo, martedì 5 maggio Casa di Soggiorno Prealpina ospiterà il Digital Champion Matteo Troìa, un ragazzo giovanissimo ma già con le idee chiare sulla cultura digitale. Ventiduenne friulano, studente di Informatica all'Università di Udine, nel tempo libero Matteo "insegna il web" a un target insolito, ossia le persone che nella percezione comune hanno più difficoltà ad accedere agli strumenti digitali: bambini e anziani. Ha scritto dei libri, disponibili gratuitamente online, e alla sua giovane età ha già partecipato alla fondazione di un'associazione digitale: CoderDojo FVG. Questo impegno gli è valso la nomina a Digital Champion da parte di Riccardo Luna, giornalista, esperto digitale ed ex direttore di Wired Italia, nonché referente italiano per le politiche dell'Agenda Digitale Europea.

Matteo parlerà della sua esperienza davanti agli ospiti della casa di riposo e ai ragazzi dell'Istituto Filippin con le parole che conosce, quelle stesse parole con cui riesce a farsi comprendere con successo dai suoi studenti. Racconterà la sua passione, spiegherà perché è importante che tutti abbiano accesso al digitale. Magari con la speranza che qualcuno di quei ragazzi decida a sua volta di diventare un Digital Champion.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un digital champion in casa di riposo

TrevisoToday è in caricamento