menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'aggressione e Marta Novello

Il luogo dell'aggressione e Marta Novello

Marta lascia la terapia intensiva, trasferita nel reparto di quarta chirurgia

Ad una settimana dall'accoltellamento subito in via Marignana a Mogliano Veneto, mentre stava facendo jogging, la 26enne continua nel suo percorso di recupero. Nei prossimi giorni sarà interrogata dagli inquirenti

Ad una settimana dal brutale accoltellamento subito mentre faceva jogging a pochi passi da casa, in via Marignana a Marocco di Mogliano Veneto, Marta Novello ha potuto lasciare nella mattinata di oggi, lunedì 29 marzo, la terapia intensiva dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso per essere trasferita nel reparto di quarta chirurgia, dove proseguirà nel suo percorso di riabilitazione. La decisione è arrivata al termine di un briefing tra medici, presieduto dal dottor Stefano Formentini, direttore dell'ospedale trevigiano, in cui è emerso come il quadro clinico della 26enne fosse ormai stabile. L'aggressore della ragazza, un 15enne che viveva a pochi passi da casa sua, si trova rinchiuso nel carcere minorile di Treviso ed è accusato di tentata rapina aggravata e tentato omicidio: venerdì scorso il giovane, assistito dall'avvocato Matteo Scussat, è stato interrogato per un'ora e mezza, nel corso dell'udienza di convalida del fermo e ha raccontato la sua versione, ribadendo che si è trattata di un'aggressione a scopo di rapina, per ottenere del denaro dalla ragazza, scelta a caso come sua vittima. Nei prossimi giorni sarà il turno di Marta: la ragazza sarà infatti sentita dai carabinieri della Compagnia di Treviso, coordinati dal maggiore Ermanno Luigi De Magistris, riferendo cosa ricorda di quanto accaduto lunedì scorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento