rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Economia

Imu, più 270 per cento rispetto all'Ici: massacrate le fasce deboli

Il rincaro dell'imposta sulla casa, rispetto alla vecchia Ici, è stato in media del 40 per cento, ma ha toccato punte del 270 per cento. Le più colpite, paradossalmente, le categorie più indigenti

Sono scaduti i termini per pagare l'imposta municipale unica: i trevigiani hanno le tasche ben più leggere e si tirano le prime somme.

Si scopre così che l'aumento, rispetto alla vecchia Ici, è stato in media del 40 per cento. Ma per certe categorie, le meno abbienti, il rincaro ha toccato punte del 270 per cento.

Secondo i calcoli di Cgil Treviso, la prima ragione dei rincari è legata all'aumento del 60 per cento del coefficiente moltiplicatore da applicare alla rendita catastale. Tradotto in cifre, un residente a Treviso con reddito annuo superiore ai 7.500 euro ha versato 203,20 euro di Imu, 55,20 euro in più rispetto a cinque anni prima.

La stessa cifra è stata sborsata da un cittadino con un reddito annuo inferiore ai 7.500 euro, che nel 2007 era esentato dal pagamento grazie alle detrazioni.

I rincari vertiginosi, tuttavia, non riguardano solo Treviso, ma anche quei comuni che cinque anni fa prevedevano detrazioni, esenzioni e agevolazioni sotto un certo reddito e per le categorie deboli, come Roncade, Villorba, Spresiano e Santa Lucia di Piave che, nonostante la detrazione di 300 euro per gli invalidi al 100 per cento, "vanta" l'aliquota più alta di tutta la Provincia (5,6 per mille).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu, più 270 per cento rispetto all'Ici: massacrate le fasce deboli

TrevisoToday è in caricamento