Electrolux, mercoledì a Roma confronto tra ministero e governatori

Martedì l'assessore Donazzan ha incontrato sindacati e Rsu per fare il punto della situazione, in vista della riunione del 19 marzo nella Capitale

L'incontro tra l'assessore Donazzan e i sindacati

SUSEGANA - Mercoledì a Roma si tornerà a parlare della Electrolux. All'incontro tra ministero e presidenti delle Regioni interessate dal caso parteciperà anche Luca Zaia.

E in vista del confronto di mercoledì, martedì a palazzo Balbi, a Venezia, si è tenuto un incontro tra l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan e i rappresentanti sindacali e della Rsu dell’azienda.

“Ho incontrato i sindacati dei lavoratori e della Rsu, su loro richiesta – ha spiegato l'assessore - per fare il punto della situazione e poter aggiornare al meglio il Presidente Zaia, permettendogli di fare richieste precise e stringenti".

Sindacati e Regione sono d'accordo: il fattore tempo è fondamentale. E il cambio di governo non sembra essere d'aiuto.

"Due sono le richieste che il Veneto avanzerà - ha annunciato Donazzan - il rinnovo del contratto di solidarietà che scadrà a fine mese per lo stabilimento di Susegana; certezze sulla prospettiva di permanenza e di crescita di Electrolux in Italia e a Susegana in particolare. La prima richiesta avrà spero una risposta immediata. La seconda non può aspettare molto e necessita per questo che sia convocato il tavolo nazionale con istituzioni, azienda e lavoratori”.

Nel corso dell'appuntamento di martedì Donazzan ha poi ha informato i sindacati su alcuni incontri informali avuti con l’azienda dove la Regione, a fronte di scelte industriali di permanenza nel Veneto, si è resa disponibile per sostenere tale prospettiva a mettere in campo strumenti e risorse possibili: dalla programmazione comunitaria per gli interventi strutturali di sviluppo delle aziende, all’abbattimento dei costi energetici, all’aumento della formazione dei lavoratori per una migliore competitività.

“Ma tutto ciò – ha osservato Donazzan - e altro ancora, non può essere che conseguente alla scelta dell’azienda sul che cosa fare e anche alla condivisione da parte dei lavoratori”.

“I suggerimenti dei sindacati e dei lavoratori oggi sono stati preziosi – ha aggiunto l'assessore – ma tutti legati e conseguenti alle scelte che farà l’azienda. Per questo il fattore tempo è la priorità che sarà messa sul tavolo a Roma”.

La questione Electrolux – ha concluso l’assessore – deve essere di carattere nazionale. La Regione Veneto farà l’impossibile per tutelare la propria occupazione e quindi lo stabilimento di Susegana ma non è una questione limitata a Veneto o Friuli o a qualche altro territorio. Non può esistere una concorrenza sleale in territorio nazionale e di questo deve dare garanzia il Governo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento