Electrolux, mercoledì a Roma confronto tra ministero e governatori

Martedì l'assessore Donazzan ha incontrato sindacati e Rsu per fare il punto della situazione, in vista della riunione del 19 marzo nella Capitale

L'incontro tra l'assessore Donazzan e i sindacati

SUSEGANA - Mercoledì a Roma si tornerà a parlare della Electrolux. All'incontro tra ministero e presidenti delle Regioni interessate dal caso parteciperà anche Luca Zaia.

E in vista del confronto di mercoledì, martedì a palazzo Balbi, a Venezia, si è tenuto un incontro tra l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan e i rappresentanti sindacali e della Rsu dell’azienda.

“Ho incontrato i sindacati dei lavoratori e della Rsu, su loro richiesta – ha spiegato l'assessore - per fare il punto della situazione e poter aggiornare al meglio il Presidente Zaia, permettendogli di fare richieste precise e stringenti".

Sindacati e Regione sono d'accordo: il fattore tempo è fondamentale. E il cambio di governo non sembra essere d'aiuto.

"Due sono le richieste che il Veneto avanzerà - ha annunciato Donazzan - il rinnovo del contratto di solidarietà che scadrà a fine mese per lo stabilimento di Susegana; certezze sulla prospettiva di permanenza e di crescita di Electrolux in Italia e a Susegana in particolare. La prima richiesta avrà spero una risposta immediata. La seconda non può aspettare molto e necessita per questo che sia convocato il tavolo nazionale con istituzioni, azienda e lavoratori”.

Nel corso dell'appuntamento di martedì Donazzan ha poi ha informato i sindacati su alcuni incontri informali avuti con l’azienda dove la Regione, a fronte di scelte industriali di permanenza nel Veneto, si è resa disponibile per sostenere tale prospettiva a mettere in campo strumenti e risorse possibili: dalla programmazione comunitaria per gli interventi strutturali di sviluppo delle aziende, all’abbattimento dei costi energetici, all’aumento della formazione dei lavoratori per una migliore competitività.

“Ma tutto ciò – ha osservato Donazzan - e altro ancora, non può essere che conseguente alla scelta dell’azienda sul che cosa fare e anche alla condivisione da parte dei lavoratori”.

“I suggerimenti dei sindacati e dei lavoratori oggi sono stati preziosi – ha aggiunto l'assessore – ma tutti legati e conseguenti alle scelte che farà l’azienda. Per questo il fattore tempo è la priorità che sarà messa sul tavolo a Roma”.

La questione Electrolux – ha concluso l’assessore – deve essere di carattere nazionale. La Regione Veneto farà l’impossibile per tutelare la propria occupazione e quindi lo stabilimento di Susegana ma non è una questione limitata a Veneto o Friuli o a qualche altro territorio. Non può esistere una concorrenza sleale in territorio nazionale e di questo deve dare garanzia il Governo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento