life

Ecoincentivi comunali, boom di richieste per le biciclette elettriche

Non solo bici: anche caldaie, impianti a gas per le auto e nuovi veicoli. Le richieste arrivano a Treviso con una media di due al giorno

TREVISO In poche settimane l'amministrazione comunale di Treviso ha ricevuto ben 37 richieste da parte dei cittadini interessati all'iniziativa promossa dall'assessorato alla cura dei beni ambientali sugli ecoincentivi. La prima tranche di contributi si può così considerare esaurita.  Delle 37 richieste 17 riguardano l'acquisto di biciclette elettriche, 8 per l'acquisto di batterie, 6 per la sostituzione di caldaie vecchie, 5 per l'installazione di impianti a gas su veicoli già immatricolati e una richiesta per l'acquisto di nuovi autoveicoli a basse emissioni.

"In media all'amministrazione in queste tre settimane sono arrivate due richieste al giorno - dichiara l'assessore alla cura dei beni ambientali Luciano Franchin - un bel risultato che dimostra come i cittadini siano sensibili alla sostenibilità ambientale. Certo anche il rispetto della normativa ci aiuta in questo obiettivo ma non è solo un obbligo di legge: vivere in una città sana è un desiderio largamente condiviso".

Dopo questa prima tranche di contributi l'assessore assicura altri interventi a favore delle sostenibilità e dell'ambiente: "Il buon successo e la risposta positiva agli eco incentivi ci spinge a proseguire in questa direzione. Seguiranno a breve altre iniziative", chiude Franchin.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecoincentivi comunali, boom di richieste per le biciclette elettriche

TrevisoToday è in caricamento