menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi aziendali, parla il Partito Democratico: "Intollerabile l'indifferenza della Lega"

Giovanni Zorzi, segretario provinciale: "La protesta dei lavoratori è legittima: sono le vittime di uno dei tanti fallimenti del governo populista"

In queste settimane continuano a moltiplicarsi in provincia di Treviso le agitazioni di lavoratori in apprensione per il loro destino: dagli addetti alle pulizie delle scuole della provincia ai 400 dipendenti della Previmedical fino ai 100 operai delle ditte che hanno costruito il nuovo ponte sul Piave. 

“Il Partito Democratico – dichiara Giovanni Zorzi, segretario provinciale – esprime piena solidarietà a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori della nostra provincia in mobilitazione in questi giorni per affermare i loro diritti e s’impegna a portare le loro preoccupazioni nei tavoli della politica regionale e nazionale. Di fronte a queste situazioni di insicurezza, è intollerabile la sostanziale indifferenza della Lega di Zaia, che governa il nostro territorio da anni, e di quella di Salvini, che ha governato il Paese fino all’altro giorno”. A questo riguardo, è emblematico il caso del fallimento della Carena Costruzioni, la ditta a cui è stato affidato il cantiere per la ristrutturazione di Ponte della Priula.

Continua Zorzi: “La protesta dei lavoratori è legittima: sono le vittime di uno dei tanti fallimenti del governo populista. Il tanto decantato decreto “sblocca cantieri”, con la liberalizzazione degli appalti e gli affidamenti dei lavori al massimo ribasso senza adeguate procedure di controllo, è servito a fini di propaganda. La premura di tagliare nastri ha portato a questa situazione. A rimetterci ora sono le imprese del territorio, i lavoratori e i contribuenti: come saranno recuperati i soldi pubblici che ANAS ha speso per la ditta fallita?”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento