menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: Marcello Zuinisi

In foto: Marcello Zuinisi

Fratelli d'Italia: «Le manifestazioni di Rom e Sinti sono una farsa tragicomica»

I militanti del gruppo politico trevigiano hanno voluto commentare la nuova manifestazione annunciata dai nomadi per sabato 23 marzo in centro a Treviso. La polemica continua

Rom, Sinti e Caminanti, il prossimo 23 marzo, saranno di nuovo in piazza contro il sindaco Mario Conte per liberare Treviso dal razzismo e dal fascismo. Per questa nuova protesta hanno organizzato un corteo chiedendo all'Anpi di schierarsi dalla loro parte.

Una notizia che ha lasciato molto perplessi i militanti trevigiani di Fratelli d'Italia che hanno voluto commentare la nuova manifestazione in programma questo sabato con queste parole: «Ci mancava solo questa - dicono nel loro intervento - Rom, sinti e caminanti protestano perché non vogliono sanare abusi edilizi effettuati, a loro dire, sui terreni di loro proprietà, infatti nei Comuni di Trevignano e Vedelago è in atto la concreta possibilità di sgomberi coatti di intere famiglie, da terreni agricoli, sui quali sono state collocate case mobili e unità abitative considerate in abuso edilizio. Addirittura Marcello Zuinisi, legale rappresentante dell’associazione Nazione Rom, ha detto: “Ci stanno deportando levandoci i terreni, sospendete i provvedimenti”. Noi di Fratelli d’Italia - scrivono i militanti trevigiani - non capiamo perché se un italiano commette un abuso deve pagarne tutte le conseguenze, mentre se l’abuso è commesso da un italiano di etnia rom o sinti si debba parlare di deportazione, diritti negati o addirittura di razzismo. Dalla deportazione, poi subito si passa a far leva sull’inclusione (che parola strana, noi preferiremmo integrazione) e dichiarano che dal 2014 l’associazione chiede ai prefetti di organizzare un tavolo di inclusione a livello regionale, ma non è ancora stata accolta dalle autorità.

Parlano di diritti e di inclusione? Proprio loro? Allora vorremmo ricordare - scrive Fratelli d'Italia - che oltre ai diritti ci sono anche doveri, e che dire di alcune clamorose dichiarazioni documentate che hanno rilasciato i rom di Treviso nel 2015: “Se vi truffiamo è perché siete stupidi”, servizio messo in onda dalle Iene nella serata del 7 maggio 2015 da un campo rom di Treviso, oppure dei vari servizi registrati a Venezia nei quali ragazze a loro appartenenti dichiarano senza vergogna di essere ladre? Ma la cosa ancora piú clamorosa e che il 7 marzo, mentre protestavano in piazza, una di loro rubava in un supermercato. E questo sarebbe il loro concetto di integrazione? Fratelli d’Italia chiede che i rom e i sinti, rispettino la legge come il resto degli italiani. Pretendiamo - concludono i militanti - che chi non ha i requisiti non debba più sostare nel nostro territorio, e pretendiamo anche che vengano fatti più controlli, non solo per verificare ogni forma di abusivismo, ma anche per tracciare l’origine dei soldi con i quali hanno acquistato e continuano ad acquistare beni mobili o immobili.  Un pò di coerenza sarebbe d'uopo invece di essere clamorosamente tragicomici». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento