rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Scuola

Planck Team campione di robotica a Houston

Scuola trevigiana in festa per la squadra finita nella top ten mondiale di First Lego League

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La festa di fine anno al Max Planck di Lancenigo inizia dai successi della competizione di scienza e robotica First Lego League. Venerdì sera, 27 maggio, i 24 studenti del Planck Team entrati nella top ten della finale mondiale tenutasi a Houston hanno raccontato la loro esperienza con video e dimostrazioni al numeroso pubblico composto da insegnanti, personale Ata, dirigenti scolastici, rappresentanti delle istituzioni, genitori e alunni, intervenuti all’evento organizzato nel giardino della scuola. Tra i presenti anche molti titolari delle aziende di Marca che hanno supportato la scuola sponsorizzando il viaggio negli Stati Uniti e che ora aderiscono anche al Polo di Formazione tecnologica che il Planck attiverà nei prossimi mesi nei nuovi laboratori di elettronica e automazione per l’industria 4.0, di Controllo numerico e di misurazione della compatibilità elettromagnetica allestiti grazie ad un finanziamento ministeriale di 750 mila euro e alla collaborazione con Camera di Commercio e Assindustria.

«Presentiamo un risultato che ci ha dato molta soddisfazione - ha detto la dirigente Emanuela Pol - reso possibile dalla sinergia tra scuola, istituzioni e aziende, dando merito ai ragazzi, ai loro coach ma anche a tutti coloro che ci hanno supportato in un’esperienza nuova che all’inizio ci sembrava impossibile. Il ringraziamento quindi è d’obbligo. Ma ora guardiamo già al futuro e alle prossime sfide: tra queste l’attivazione del polo di formazione tecnologica. Il Planck intende erogare moduli di formazione tecnologica flessibili per studenti diplomati o universitari, per tecnici d’azienda o inoccupati e vuole farlo in raccordo con le aziende del territorio». Il palcoscenico venerdì sera è stato dei ragazzi che hanno presentato i robot, costruiti con i pezzi Lego, sensori e batterie, hanno allestito il plastico su progetto di treno merci dotato di vagoni smart che possono riordinarsi in modo autonomo all’interno dell’hub ubbidendo a informazioni date a distanza e gestite mediante componentistica elettronica. Questo progetto è stato sviluppato grazie ad un prezioso lavoro di informazione e documentazione in collaborazione delle Ferrovie e dei Raccordi Ferroviari di Mestre. La squadra al completo comprendente studenti del biennio e del triennio del Liceo scientifico e dell’Itis è stata presentata dai coach prof.ssa Monica Disarò e dal vice Marco Todesco con gli accompagnatori e aiutanti professori Matteo Criveller, Luca Campion, Michele Barbon.

«Sembrava impossibile e invece ce l’abbiamo fatta - ha esordito al microfono Disarò - per i ragazzi lavorare in squadra è un’esperienza formativa che non ha eguali, è un modo di imparare diverso, utilizzano le conoscenze apprese in classe ma poi qui devono operare in autonomia e soprattutto collaborare. Per costruire i robot e il progetto scientifico abbiamo impegnato tante ore, fermandoci a scuola fino alle sette di sera. Il nostro motto era “stasera chiudiamo noi” in riferimento alle porte dell’istituto. I risultati però, nazionale a Rovereto dove abbiamo conquistato il primo posto e poi internazionale a Houston dove ci siamo classificati decimi su 108 squadre, ci hanno ripagato». Piene di entusiasmo le voci degli studenti: «Ho imparato molto - ha detto Marzia Energico di seconda liceo - lavorando con i ragazzi più grandi. Houston è stato il mio primo vero viaggio lontano dall'Italia». «Nel Planck Team - ha concluso Giacomo Castellan - si impara a collegare studio e costruzione pratica, passaggio che richiede tempi e spazi che non ci sono nella normale attività in classe».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Planck Team campione di robotica a Houston

TrevisoToday è in caricamento