Gruppo ciclistico Arcade, festa per i 40 anni dalla fondazione

Cerimonia in programma sabato 20 luglio, a partire dalle ore 18, presso la Villa Cavalieri, sede dell'amministrazione comunale e sarà presentato il libro dal titolo "40 Anni di Ciclismo e Passione"

Il gruppo ciclistico Arcade

Tra le società ciclistiche del Veneto ed in modo particolare della provincia di Treviso il Gruppo Ciclistico Arcade occupa un ruolo di primissimo piano non soltanto dal punto di vista sportivo ma anche per quello sociale, dello stare insieme e di condivisione. Il sodalizio, presieduto da Moreno Zonta (è anche consigliere della Federciclismo di Treviso), si appresta a festeggiare il 40° anno di attività. Quattro decenni tutti dedicati a favore e alla promozione dello sport del pedale ma anche alla crescita dei giovani che rappresentano il futuro. Il Gruppo Ciclistico Arcade, nato ufficialmente nel lontano 1979, festeggerà l'anniversario della fondazione in occasione di una cerimonia in programma sabato 20 luglio programmata a partire dalle ore 18 presso la Villa Cavalieri, sede dell'Amministrazione Comunale e sarà presentato il libro dal titolo "40 Anni di Ciclismo e Passione".

Quarant'anni di storia cominciata il primo marzo 1979 grazie ad un gruppo di cinque amici - Alfredo Pollicini (primo presidente), Amargio Gallina, Ivo Sordi, Luigino Bradamilla e Pietro Parolin - legati dalla passione per lo sport del pedale e che diedero le basi alla realizzazione di un club che nel corso degli anni è diventato un importante punto di riferimento sotto tutti gli aspetti. Una crescita proseguita nel tempo con la presidenza di Alfredo Maiarelli, di Antonio Trentin e di Moreno Zonta che lo guida dal 1994. Anno, quest'ultimo, che segnò un momento altrettanto importante nella storia del club per una serie di iniziative che consentì una maggiore apertura nei confronti della cittadinanza e promuovendo la concezione dello sport inteso come strumento educativo e sociale oltre che quello agonistico. Un'altra importante svolta all'attività del Gc Arcade, che si dedicava al settore turistico-amatoriale, avvenne nel 2000 con l'apertura all'organizzazione di manifestazioni dedicate ai Giovanissimi. Anno in cui grazie all'impegno di Emanuele Barolo, Piergiorgio Pavan e Umberto Basso portò alla nascita del Gruppo Giovanissimi e che nel 2004 ottenne l'autonomia evolvendosi nello Young Team. Anche l'anno 2010 ha avuto un ruolo importante grazie anche alla nascita nel settore organizzativo della Piccola Roubaix riservata agli juniores che durò tre anni e fu realizzata con la collaborazione del Team Conscio. Gara che nel 2015 fu ripresa con la denominazione "Giro delle Prese".

«Proprio l'anno prima - hanno sottolineato i dirigenti del club di Arcade - due eventi degni di nota entrarono a far parte della storia della società: da un lato, la maglia sociale da poco rinnovata conobbe una nuova trasformazione con il passaggio alle tinte azzurro-arancione come nuovi colori ufficiali. Dall'altro il 35° anniversario della nascita del Gran Premio Ciclisti Arcade fu celebrato con l'organizzazione del Campionato Regionale su strada riservato ai dilettanti e valido per l'11° Trofeo Pavan». Proprio l'ultimo lustro si è rivelato particolarmente fecondo per il sodalizio che ha raccolto numerosi ed importanti risultati su tutti i fronti. «Un quadro, quello attuale - hanno concluso i dirigenti del Gc Arcade - che vedere realizzarsi sotto un medesimo stemma le diverse propensioni che da sempre hanno plasmato le vicende di questa società e che continueranno a fare con rinnovata sinergia nel suo futuro».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore durante l'ora di educazione fisica, muore studente 14enne

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Morto a scuola a 14 anni: la madre ricoverata in ospedale per un malore

  • Gita a Venezia con la scuola, mezza classe non scende dal treno di ritorno

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

Torna su
TrevisoToday è in caricamento