Lunedì, 17 Maggio 2021
Sport

Grande sfida al Palaverde: l'Imoco Volley batte la Liu Jo Modena 3-2

Le pantere coneglianesi sfoderano un'importantissima prestazione e battono le quotatissime atlete modenesi. coach Negro può festeggiare

Una foto del match (immagine Imoco)

VILLORBA - Inizia sulle note de “Il Canto delle Pantere”, il nuovo inno pro-LILT presentato domenica  al Palaverde e già un successo sul web (è disponibile su Itunes e le altre piattaforme) e al botteghino del Fan Shop, una grande serata di volley per la sfida dell’Imoco Conegliano alla capolista Liu Jo Modena. Pubblico delle grandi occasioni (4200 spettatori), suggestioni musicali, e una parata di stelle al Palaverde per un incontro che offre spettacolo e emozioni.  Di seguito la cronaca della partita dell’Imoco.

Primo set: Conegliano parte con Glass-Nikolova, Ozsoy-Barcellini, Adams-Barazza, libero De Gennaro. Modena ci prova in avvio (5-7), ma le Pantere non ci stanno, Nikolova è velenosa in battuta (2 aces) e puntuale da seconda linea, Ozsoy colpisce forte e Adams mura, mentre la ricezione funziona edà varie opzioni d’attacco a Glass. Si va a braccetto fino all’11-11, poi un paio di errori delle padrone di casa rimettono Fabris e compagne in corsia di sorpasso (12-15) e coach Negro ferma il gioco. La Piccinini è chirurgica da posto 4, Ozsoy risponde di potenza e sigla anche un bel muro (14-16). Esplode il Palaverde per il primo tempo vincente di Adams che dà il -1. Ma la capolista si riorganizza e prende decisamente il comando (17-20). C’è anche un ace dell’ex Maruotti (18-23). Entra Nicoletti, mezzo ace trasformato daBarazza (20-23). Sul 20-24 sembra finita, ma Conegliano annulla 4 set ball in fila e il pubblico si esalta, gran muro di Barazza, sassata di Ozsoy ed è 24 pari! Vale Fiorin (entrata in battuta) difende, Ozsoy trasforma e c’e’ addirittura il +1 (25-24). Poi ancora la turca, scatenata (11 punti nel set con il 71%!), 26-25 e 27-25 in rapida sequenza, pandemonio al Palaverde per una rimonta incredibile.

Secondo set: ancora partenza a razzo di Modena, scottata dal finale precedente, con la croata Fabris e la belga Rosseaux bene in palla allunga (6-9). Prova a rispondere Barcellini da posto 4, poi è Aly Glass con una palla di “prima” e un ace su Piccinini (9-10) e l’Imoco si mostra viva e pimpante. A metà set la squadra emiliana prova il break decisivo, un muro di Rousseaux dà il 14-19 alla Liu Jo,allarme in casa Imoco, ma le Pantere non mollano e provano ancora la rimonta. Entra Fiorin per Barcio, le difese applauditissime di Moki De Gennaro danno speranza (19-21, poi 21-23), ma stavolta la squadra ospite (Fabris 7 punti nel set) non si fa sorprendere e si impone 22-25.

Terzo set: partenza lanciata della squadra di coach Negro, 3-0, poi doppietta di Fabris, ma le Pantere gialloblù sono belle cariche: la difesa cresce di intensità, Ozsoy e Barazza mettono pressione, è l’Imoco vola 7-2 costringendo Beltrami al time out dopo un paio di errori delle modenesi. Un ace di Rousseaux e la Liu Jo torna vicina (8-5), ma ci pensa la saracinesca di Adams a muro (9-5). La squadra di casa resta avanti (12-9) in un momento in cui la gara si innervosisce (giallo alla panchina ospite), la Liu Jo perde un po’ di lucidità e ne beneficia la squadra gialloblu’ che vola 14-9 con una “pipe” di capitan Fiorin. Ma la partita è ancora senza un padrone, infatti ancora una volta la Liu Jo, con le azzurre Folie e Piccinini, ricuce lo strappo (15-14). Tensione alle stelle e spettacolo in campo, con Adams che colpisce a muro, Ozsoy che va in cielo e Nikolova a segno con l’ace per un altro break: 19-14. De Gennaro difende l’impossibile, Glass sotto rete inventa un pallonetto che fa esplodere il pubblico, imitata poi dalla connazionale Adams (21-14). Modena non riesce a risalire, l’Imoco continua a macinare punti e chiude con le magie di una Glass ispiratissima e di una Nikolova con gli occhi della tigre (8 punti nel set) con un perentorio 25-18.

Quarto set: il match se possibile alza ancor di più il suo livello di spettacolo e intensità, sembra una gara di play off. Modena va avanti 0-2, le Pantere rispondono,Aly Glass sembra una pallina da flipper, schizza per il campo a servire assist al bacio per Nikolova e compagne, che non sbagliano un colpo: parzialone di 7-1 per Conegliano che vola 7-3. Capolista in difficoltà, Beltrami chiede time out, ancora Fabris prova a indicare la strada della rimonta alla ripresa del gioco, la Liu Jo non molla. La squadra ospite reagisce ancora con le battute di Rondon e un muro che mette punti pesanti (12-10). Ora c’e’ tensione e qualche errore da una parte e dall’altra, gran muro di Rondon e la Liu Jo torna sotto (15-14), poi pareggia con un punto contestato.Neriman Ozsoy torna a picchiare forte (17-15), risponde Fabris, si va allo sprint finale. Sul 19-21 time out di coach Negro, poi Ozsoy da altezza siderale spara il -1, poi un fantastico muro pareggia il conto e il sorpasso 22-21 è opera di una magia di Nikolova, che sfonda il muro ospite. Il time out ora lo chiama coach Beltrami. Emozioni a non finire, l’Imoco annulla un set point, poi Fabris sulla riga pareggia a quota 25, risponde una grandissima Nikolova, ma la neoentrata Ikic pareggia (26-26). Squadre stremate, scambi eterni, Fabris sbaglia, ancora match ball Conegliano, ma Piccinini chiude il 27 pari. Poi è bagarre e l’esperienza di Piccinini chiude un set infinito, 27-29 e si va al tie break.

Quinto set: squadre stanchissime, ma decise a portare a casa la vittoria, nonostante i molti errori, specie in battuta, sia da parte modenese che gialloblu’. Emy Nikolova trova energie inaspettate (27 punti alla fine), Vale Fiorin difende da maestra , il primo minibreak è per le Pantere, che sorpassano 8-6. Moki De Gennaro è straordinaria in difesa, Conegliano dà spettacolo, ma la Liu Jo è sempre lì e pareggia su un colpo out di Ozsoy, 8-8. Partita infinita, Adams con l’ascensore impiomba il 10-9, risponde Piccinini, 10-10. Ancora Moki si esalta in difesa, partita da miglior libero del Mondo per la De Gennaro, poi gran muro della coppia USA Adams-Glass, per il 12-10, time out per Modena. Ancora Adams, che non sente la fatica, bravissima a murare per il 13-10 che manda in delirio i 4200 del Palaverde. Ultimi scampoli di spettacolo,Fabris (30 punti!) ci prova ancora): il 14-11 lo firma una super Ozsoy (29 punti, grande match), entra Nicoletti in battuta sul match point e Neriman Ozsoy chiude da campionessa il 15-11 finale che manda l’Imoco in Paradiso.

Nicola Negro, coach Imoco Volley:Partita di alto livello, tante campionesse in campo, giocata da due grandi squadre. Finalmente abbiamo giocato una gara da grande squadra, mi spiace non aver chiuso al quarto set, un po’ buttato via, ma onestamente devo dire che nel primo non è usuale rimontare da 20-24, quindi va bene così. L’importante è aver dimostrato di essere una squadra di alto livello che si potrà togliere grandi soddisfazioni.”

Alessandro Beltrami, coach Liu Jo“Complimenti all’Imoco, grande partita, la De Gennaro ha fatto una grande gara in difesa. Il livello della partita è stato altissimo, noi non siamo stati lucidi come nelle ultime prestazioni, abbiamo giocato bene, ma abbiamo lasciato alcune situazioni in mano agli avversari. Qui è dura vincere, ma potevamo fare un po’ di più. Comunque resta una gran bella partita tra due squadre che hanno dimostrato di essere forti.

IMOCO CONEGLIANO – LIU JO MODENA 3-2 (27-25,22-25,25-18,27-29,15-11)
IMOCO: Glass 7, Nikolova 27, Ozsoy 29, Barazza 6, Adams 14, Barcellini 3, De Gennaro (l); Fiorin 4, Nicoletti, Furlan ne, Katic ne, Boscoscuro (l) ne. All.: Negro.
LIU JO: Rousseaux 10, Folie 7, Heyrman 10, Piccinini 16, Fabris 30, Rondon 2, Arcangeli (l); Kostic 2, Petrachi (l) ne, Crisanti, Maruotti 1, Ikic 3. All.: Beltrami
ARBITRI: Piluso di Cosenza e Rapisarda di Udine
NOTE: Durata set: 29’, 26’, 26’, 34′, 17′. Totale: 2 ore 12 minuti. Imoco: battute vincenti 4, errate 11, muri 14, errori 27. Liu Jo: b. v. 3, err. 13, muri 14, errori 27. Spettatori 4200. MVP: Ozsoy

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande sfida al Palaverde: l'Imoco Volley batte la Liu Jo Modena 3-2

TrevisoToday è in caricamento