rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Sport Conegliano

Finale Scudetto, in Gara 1 l'Imoco non entra in campo e così vince Novara

Le Pantere di coach Santarelli giocano veramente male e regalano punti su punti alle avversarie, ben messe in campo con in grande spolvero Egonu, Piccinini e Plak

CONEGLIANO Inizia la terza Finale Scudetto della storia gialloblù e le Pantere sono in gara1 al PalaIgor di Novara, il campo delle campionesse in carica. Coach Santarelli schiera il suo sestetto con Wolosz-Fabris, Folie-Danesi, Hill-Bricio, libero De Gennaro, risponde Barbolini con Skorupa-Egonou, Gibbemeyer-Chirichella, Plak-Piccinini, libero Sansonna. E’ una storia infinita quella scritta da Conegliano e Novara in questa stagione, siamo al settimo confronto stagionale.

Il primo minibreak viene da un beffardo ace di Chirichella per il 5-3, un abbrivio che consente alle piemontesi di insistere approfittando di un paio di errori ospiti e di un bel colpo di “miss esperienza” Francesca Piccinini che piazza l’8-4. Time out per la panchina Imoco. La posta in palio (e un caldo..inedito quest’anno) rendono l’inizio gara un po’ contratto, con le due squadre che viaggiano senza grandi sprazzi. Colpisce Plak (5 punti nel set), risponde Folie dal centro ed è 11-7, poi si scatenano Egonou (attacco) e Chirichella (muro) e Novara scappa via decisa fino al +7 (14-7). L’attacco dell’Imoco fatica ad entrare in ritmo, ne ha buon gioco il muro di casa e coach Santarelli si gioca il suo secondo time out. Sul 16-9 entra Cella per la battuta, Fabris va subito a punto ed è la croata ora il terminale a cui si affida Wolosz per tentare la rimonta.

La capitana piazza anche un muro e le Pantere ci provano risalendo a -5 (19-14), time out di coach Barbolini. Ma ora l’Imoco marcia con un altro piglio, Danesi mura (19-15). Rapha Folie alza il muro su Egonou prima e su Plak poi e le Pantere da -8 arrivano al -2 (20-18), riaprendo il set. Dopo il time out Egonou passa (21-18) e rompe il break delle Pantere, ma i primi tempi di una scatenata Folie (7 punti nel set) tengono Conegliano vicina (22-20). Entra Enright, ma l’Imoco difende bene e trasforma con Hill il -1 (23-22). Proprio la portoricana piazza il 24-22; il primo set point lo annulla Fabris (6 punti nel set), ma Gibbemeyer a muro colpisce e il primo set della finale è di Novara per 25-23.

Il secondo set inizia con il 4-2 firmato da Chirichella a muro, ma Bricio è calda e risponde bene. Ancora con il muro (stavolta di Egonou) l’Igor Novara fa la differenza e scappa via ancora come nel primo set. Due errori consecutivi in attacco delle Pantere regalano l’8-4 alle piemontesi, che con i fondamentali “diretti” fanno punti pesanti: ace di Egonou e Novara vola a +5 (10-5). De Gennaro e compagne non riescono a dare continuità e le piemontesi ne approfittano per scappare con Gibbemeyer precisa in fast (12-6).I tifosi gialloblù provano a farsi sentire, risponde bene Bricio due volte vincente in diagonale (13-10). Svantaggio dimezzato e coach Barbolini chiede time out. L’Imoco va a segno con Folie (15-12) dopo aver sprecato due occasioni ghiotte per il -2. Ci pensa la classe di Piccinini a riportare le tricolori di casa a +5 (17-12), poi Gibbemeyer mura ancora e l’Imoco sprofonda a -6 (19-13). Entra Melandri per Danesi, poi il doppio cambio Bechis-Nicoletti per cercare di dare la scossa al match. Proprio Anna Nicoletti sigla con Bricio e l’ace di Hill il tentativo di rientrare di Conegliano (20-16). Bricio mura (21-17), poi la verve delle “seconde linee” gialloblù (bene l’asse Bechis-Nicoletti) mette pressione alle padrone di casa che sbagliano qualcosa e l’Imoco è a -3 (22-19). Come nel primo parziale la reazione delle Pantere è però tardiva e l’Igor ha l’esperienza necessaria per tenere il vantaggio fino alla fine e chiudere avanti anche il secondo set: 25-20.

Bisogna attendere l’inizio del terzo set per registrare il primo vantaggio dell’Imoco (2-3) con una botta di Fabris che cerca riscatto dopo un secondo set deficitario. Le Pantere ora provano a spingere aumentando l’intensità in difesa e allungano 4-6. Risponde Piccinini, poi Fabris va out ed è ancora parità 6-6. Ora è Samy Bricio a prendersi responsabilità in attacco, ma una Piccinini sorprendente continua a rispondere, poi l’ex Skorupa inventa e Novara torna avanti (8-7). Ora l’Imoco è bene dentro la partita, Anna Danesi attacca in fast e poi mura per il +2 (10-12). Danesi insiste, altra fast (11-13), ma l’Igor non lascia scappare le Pantere che ci provano, ma si scontrano con un’indomita Piccinini che pareggia ancora. Altro mini allungo di Conegliano (14-16), ma ancora la quarantenne capitana delle tricolori pareggia beffando il muro veneto. Si resta punto a punto tra prodezze ed errori banali (19-19). Muro di Danesi (19-20), poi entra Nicoletti per la battuta, ma Egonou spara forte e pareggia ancora. L’Igor passa in vantaggio su un errore di Folie, poi Chirichella mura ed esplode il PalaIgor per il 22-20. Entrano Marta Bechis e Simone Lee per l’ultimo disperato tentativo di raddrizzare il match, ma non basta. Novara con il rush finale si aggiudica anche il terzo parziale e chiude 25-21 portandosi 1-0 nella serie.
SABATO la rivincita al Palaverde per gara2

IGOR NOVARA -IMOCO CONEGLIANO 3-0 (25-23,25-20,25-21)
Igor: Chirichella 5,Piccinini 10,Gibbemeyer 7,Skorupa 2,Egonou 14,Plak 9,Sansonna,Enright 1,Bonifacio ne, Vasilantonaki,Camera ne, Populini, Zannoni.All.Barbolini
Imoco: Bricio 11,Hill 8,De Gennaro,Fabris 8,Wolosz 1,Danesi 8,Folie 12,Bechis,Nicoletti 2 ,Cella,Melandri,Lee,Fiori ne. All. Santarelli
arbitri: Pozzato e Goitre
durata set:27′,31′,30′
Spettatori: 3.500
Note: Errori battuta Igor 8, Imoco 11; aces 3-1; muri 10-7; errori punto 5-12.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finale Scudetto, in Gara 1 l'Imoco non entra in campo e così vince Novara

TrevisoToday è in caricamento