rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità Castelfranco Veneto

La Villa Parco Bolasco apre le porte a Dance Well

Arriva a Castelfranco Veneto l’innovativa pratica di danza contemporanea rivolta soprattutto a persone con Parkinson

E’ in programma lunedì 17 gennaio il primo appuntamento in Villa Parco Bolasco, nel cuore di Castelfranco Veneto, con Dance Well – Ricerca e movimento per il Parkinson, un progetto promosso da Villa Parco Bolasco, Università di Padova e UniPadova sostenibile insieme al CSC di Bassano del Grappa in collaborazione con il Comune di Castelfranco Veneto, ULSS 2 Marca Trevigiana e VARCITIES.

Dance Well – Ricerca e movimento per il Parkinson è una pratica di danza ideata nel 2013 dal Comune di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, attraverso il suo Centro per la Scena Contemporanea ed è rivolta principalmente, ma non esclusivamente, a persone che vivono con il Parkinson. Una delle caratteristiche fondamentali è quella di svolgersi sempre all’interno di spazi significativi dal punto di vista culturale, che entrano in dialogo con il processo artistico, distinguendo così Dance Well dalle pratiche tradizionali in sale di danza, palestre o spazi per la riabilitazione in senso stretto. La pratica si sta ora diffondendo sul territorio nazionale, con classi attive a Schio, Verona, Torino, Firenze, Roma, Bergamo e, da inizio 2022, anche a Milano, e Recanati. È presente anche nel panorama internazionale, in particolare in Giappone e a Hong Kong.

«Con questa iniziativa - commenta Riccardo Marconato, assessore ai servizi sociali - Castelfranco Veneto entra nella rete nata per promuovere la pratica della danza contemporanea in spazi museali e contesti artistici a beneficio dei malati di Parkinson e delle persone con ridotte capacità motorie. Persone di qualsiasi età, di Casstelfranco e non solo, potranno quindi approfittare di questa occasione unica e gratuita il cui obiettivo è l’inclusione e il benessere di persone fragili attraverso la danza contemporanea: una pratica inclusiva e intergenerazionale che rinforza anima e corpo».

«Parte un altro progetto - spiega l'assessore ai rapporti con l'università Gianfranco Giovine - che vede protagonista la collaborazione tra il Comune e l’Università di Padova e UniPadova sostenibile oltre che al CSC di Bassano del Grappa, l’ULSS 2 Marca Trevigiana e VARCITIES. Un sodalizio saldo e significativo non solo per la Città di Castelfranco Veneto ma per tutto il comprensorio. Ricordo anche che Castelfranco Veneto è l’unica italiana tra le otto città-pilota protagoniste del progetto europeo Visionary Nature Based Actions For Health, Wellbeing & Resilience In Cities (VARCITIES), finanziato nell’ambito del Programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020, che ha come obiettivo quello di diffondere un nuovo modello di città vivibile, accogliente e attenta alla salute e al benessere dei propri abitanti: un risultato ed insieme una sfida importante per il futuro e per la qualità della vita dei castellani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Villa Parco Bolasco apre le porte a Dance Well

TrevisoToday è in caricamento