"Coronavirus nella Marca", la fake news su Whatsapp: «Pronti a denunciare»

Nel pomeriggio di domenica 23 febbraio in molte chat di Whatsapp è circolato un finto messaggio che segnalava un primo caso di Coronavirus in provincia di Treviso: tutto falso

Il finto messaggio circolato domenica pomeriggio nelle chat di Whatsapp

"Un uomo di 45 anni residente a Casale sul Sile è risultato positivo al Coronavirus. Il Governatore Zaia pronto a disporre l'isolamento del Comune". E' questo il testo della fake news circolata oggi pomeriggio, domenica 23 febbraio, nelle chat Whatsapp di molti trevigiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una notizia falsa che ha però seminato il panico non solo a Casale ma anche in altri Comuni della Marca come Castelfranco Veneto dove un messaggio molto simile era apparso in altre chat. Dalle prime indiscrezioni sembra si tratti di uno scherzo di pessimo gusto partito nei giorni scorsi dalla Lombardia. Domenica qualcuno ha voluto modificare il messaggio seminando il panico anche in provincia di Treviso. Poco dopo è arrivata la conferma dell'Ulss 2: nessun caso di Coronavirus è stato registrato ad oggi in provincia di Treviso. La fake news ha mandato su tutte le furie il sindaco di Casale sul Sile, Stefano Giuliato, che raggiunto dai nostri microfoni ha commentato la notizia con queste parole: «Ribadisco che il messaggio circolato nel pomeriggio è una notizia falsa e un gesto gravissimo. Per tutta la domenica abbiamo cercato di creare le misure massime di prevenzione per evitare facili allarmismi. Questi scherzi di pessimo gusto sono un serio pericolo per la collettività. Mi sono subito messo in contatto con l'Ulss 2 per segnalare l'accaduto e, in queste ore, sono partite le indagini per risalire ai responsabili che hanno fatto partire la catena di messaggi con la falsa notizia. Spero vengano identificati il prima possibile» conclude il primo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento