Multato mentre rientra a casa, fa ricorso al governatore Zaia

L'uomo, un 46enne, stava tornando alla propria residenza in provincia di Vicenza dopo aver lasciato il domicilio a Farra di Soligo. Interviene l'avvocato Matteo Moschini

Multa e ricorso al Presidente Zaia da parte di un 46enne della provincia di Vicenza

Non ha i soldi per pagare l'affitto e devo fare un tampone presso la Asl di residenza ma viene multato dai carabinieri. E' successo a S.M., un uomo di 46 anni residente a San Vito di Leguzzano, in provincia  di Vicenza, fermato in provincia di Treviso da una pattuglia il 4 aprile scorso. L'uomo, a cui è stata elevata una sanzione di 370 euro (se pagata entro 30 giorni dalla contestazione), in realtà si stava allontanando dal proprio domicilio, a Farra di Soligo, in quanto disoccupato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non aveva i soldi per pagare l'affitto - spiega il suo legale, l'avvocato Matteo Moschini - e quindi si è visto costretto a lasciare la casa e tornare nell'abitazione dei genitori, in cui peraltro aveva la residenza. Inoltre un medico a cui si era rivolto gli aveva prescritto un tampone per il Covid 19 a causa di un forte stato febbrile che si accompagnava al mal di testa e raffreddore ma lo aveva avvisato che la prescrizione avrebbe dovuto farla il suo medico di base. Faremo ricorso al Presidente della Regione - continua il legale -  nonostante tali circostanze, ampiamente descritte ai Carabinieri, gli stessi ritenevano di elevare comunque la sanzione. Quanto accaduto è di una gravità inaudita; a tacere delle modalità con cui il Governo ha ristretto e limitato la libertà dei cittadini italiani, appare evidente che le motivazioni addotte dal cittadino erano valide e fondate e avrebbero dovuto indurre i Carabinieri a soprassedere e a non elevare alcuna contravvenzione. Valuteremo anche se procedere nei confronti dei Carabinieri per quello che appare un abuso. Il Governo italiano - conclude Moschini - ha previsto le note restrizioni e limitazioni della libertà personale con alcuni Dpcm (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) e non con legge ordinaria. Ma si tratta di un amministrativo che non ha forza di legge ed è norma di rango secondario, volta a dare attuazione e/o regolamentazione a norme di rango primario e con esso non è consentito derogare né alle leggi ordinarie né tantomeno alla Costituzione. Troviamo estremamente preoccupante la circostanza per cui si è gravemente ristretta e limitata la libertà personale dei cittadini italiani con i D.P.C.M.. Per quanto la ratio di tali provvedimenti possa apparire corretta in seno all’esigenza di contenimento della diffusione del Covid-19, da un punto di vista strettamente giuridico l’utilizzo dei Dpcm rappresenta, a nostro giudizio, un grave abuso. E’ pertanto ragionevole ritenere che tutte le sanzioni irrogate in base a tali Dpcm possano essere annullate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento