rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Attualità Vittorio Veneto / Via C. Forlanini, 71

Ospedale di Vittorio Veneto, nuova area degenze per l'Otorinolaringoiatria

Sarà operativa da domani, martedì 8 marzo, al settimo piano dell'ex Covid hospital. Il primario Andy Bertolin: «L'obiettivo è tornare a circa 17mila prestazioni ambulatoriali e 3mila interventi chirurgici l’anno»

Sarà operativa da domani, martedì 8 marzo, la rinnovata area degenze del reparto di otorinolaringoiatria dell’ospedale di Vittorio Veneto. Il settimo piano del nosocomio è stato riaperto dopo un importante intervento di ristrutturazione, coordinato dall’ingegner Peter Francis Casagrande, direttore dei Servizi tecnici e patrimoniali dell’Ulss 2. I lavori, durati complessivamente due anni per un investimento di oltre 1 milione di euro, hanno visto:

  • Il rifacimento di soffitti, pavimenti, impianti di illuminazione e serramenti
  • Il rinnovo di 24 stanze di degenza singole e doppie, tutte dotate di servizi igienici all’interno
  • L'ampliamento e il rinnovo delle aree per l’attività ambulatoriale
  • Il rifacimento delle aree di segreteria ed il ripristino di una sala multimediale

Nuove degenze ORL Vittorio Veneto (1)-2

I commenti

«Le stanze hanno potuto essere dotate di servizi igienici grazie a un’innovativa soluzione, che ha permesso di ricavare i bagni al posto dei terrazzini. «Con la ripresa dell’attività di Orl a Vittorio Veneto - spiega il primario, Andy Bertolin - un’ala del 7° piano sarà dedicata alle degenze di pazienti affetti da neoplasie del distretto testa-collo, in particolare il cancro della laringe, sottoposti a interventi ad alta complessità che richiedono ricoveri a elevato impatto assistenziale e riabilitativo. L'altra ala sarà dedicata alla day-week surgery testa-collo e accoglierà i pazienti sottoposti a chirurgia delle ghiandole salivari e della tiroide, chirurgia naso-sinusale, chirurgia dell’orecchio; ospiterà, inoltre, i bambini sottoposti a intervento».
«La riapertura del 7° piano - sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi - si inserisce all’interno del progetto di potenziamento dell’unità operativa di otorinolaringoiatria di Vittorio Veneto, Centro di riferimento regionale ed eccellenza a livello nazionale per i tumori della laringe, creando un vero e proprio polo di riferimento per il distretto testa-collo. È già previsto infatti, pandemia permettendo, l’ampliamento dell’offerta con l’introduzione della chirurgia maxillo-facciale, della chirurgia plastica e del trattamento delle patologie di confine con l’oculistica».

Ambulatorio rinnovato ORL Vittorio Veneto-2

Le attività clinico-assistenziali e chirurgiche dell’Orl verranno incrementate in un’ottica multidisciplinare e di rete all’interno dell’Ulss 2, come:

  • La creazione di un gruppo multidisciplinare oncologico per il trattamento condiviso dei pazienti affetti da neoplasie del distretto testa-collo
  • La possibilità di effettuare interventi ad ancora più elevata complessità, grazie al progetto di una nuova terapia intensiva
  • L'acquisizione di nuove tecnologie radiologiche, come la risonanza magnetica con bobine dedicate per il distretto cervico-facciale e in particolare la laringe
  • La creazione di un percorso dedicato alla ‘Medicina del sonno’ e alle patologie allergiche in collaborazione con la pneumologia e l’allergologia
  • La formulazione di percorsi riabilitativi dedicati in collaborazione con la medicina fisica e riabilitativa
  • La creazione di un polo medico multispecialistico per il trattamento delle patologie della sfera otorinolaringoiatrica che non richiedono intervento chirurgico (ad es. vertigini, patologia tiroidea, chemioterapie per pazienti oncologici)
  • La stretta collaborazione con i servizi di anatomia patologica, gastroenterologia, farmacia, laboratorio analisi e sterilizzazione

«L’obiettivo - conclude Bertolin - è il ripristino dei volumi di trattamento dell’epoca pre-Covid, circa 17mila prestazioni ambulatoriali e 3mila interventi chirurgici all’anno, procedendo verso un percorso di abbattimento delle liste di attesa e una successiva implementazione dell’offerta nel trattamento delle patologie del distretto testa-collo. Particolare attenzione verrà data alla diagnostica, al trattamento e allo studio dei pazienti affetti da cancro della laringe, mantenendo gli elevati standard di cura che hanno reso Vittorio Veneto un centro di riferimento riconosciuto a livello internazionale». La progressiva riapertura della Uoc di otorinolaringoiatria consentirà la ripresa, dopo 2 anni di stop, anche dell’attività scientifica con l’organizzazione del 3° master internazionale di laringologia oncologica, che si terrà in ospedale a Vittorio Veneto, dal 20 al 23 giugno 2022, e nel cui ambito i più grandi esperti del settore eseguiranno interventi chirurgici in diretta streaming trasmessi in tutti i Paesi del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Vittorio Veneto, nuova area degenze per l'Otorinolaringoiatria

TrevisoToday è in caricamento