rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità

Amici per la vita e oltre: realizzano il sogno di Nicolò dopo la sua morte

Giovani che credevano di avere tanto tempo, un brutto incidente porta via uno di loro, ma non dimenticano i progetti fatti insieme, e creano una linea di abbigliamento con i loro nomi

 “Non essere un mignolino” è la loro filosofia. Loro sono Riccardo Gobbo e Omar Marcuzzo, due giovani amici di Noventa, hanno 24 anni, Riccardo si occupa di Marketing in un’azienda di arredamento e Omar lavora come impiegato in una tipografia. Hanno creato una linea di abbigliamento con il marchio RON, le iniziali dei nomi. Riccardo, Omar e Nicolò (Mina per chi lo conosceva). Erano tre inseparabili ragazzi fin dall'asilo, cresciuti insieme, hanno sempre abitato nello stesso paese, non si sono mai persi di vista. Un legame indissolubile finchè a 22 anni Nicolò Minello la sera del 18 ottobre 2020 non arrivò a casa a Noventa di Piave. La sua giovane vita finì in un tragico incidente a Salgareda. Ma continua a vivere quotidianamente a distanza di anni nei cuori e pensieri dei suoi due suoi amici.

«Erano appena passate le 8. Squilla il telefono. Omar con una voce mai sentita prima teneva in bocca una frase che mai avrebbe voluto dire.
In quei momenti tutto crolla. “Non può essere” continuavamo a ripetere. Nicolò. La nostra N.
Ci restano le tue risate, i tuoi video, i tuoi audio e le nostre foto. Tra tutte le cose ci restano le tue idee, RON che diventerà tutto quello che volevamo, non abbiamo mai modificato niente, come lo immaginavamo dal 2017».

Avevano in mente e parlavano spesso di fare qualcosa di significativo nella vita, non rimanere nell'ombra della provincia.

Spiegano Riccardo e Omar: «Pensavamo di avere tutto il tempo del mondo per realizzare i nostri sogni. E invece il destino ha scelto diversamente. Per non farci sopraffare dal dolore, abbiamo deciso di passare dai progetti ai fatti concreti». Riccardo e Omar hanno trovato la forza di reagire e fatto diventare realtà un sogno che avevano in comune. È stata avviata la produzione dei primi capi di abbigliamento RON. 

Altre all'abbigliamento è stata programmato il primo evento targato RON si terrà sabato 12 marzo alla discoteca Nolita di Ponte di Piave. Per ricordare i loro sogni di 13enni: la musica sarà infatti quella del 2010, il colore, il rosso della passione, un invito a metterci il cuore nelle cose in cui si crede, ricordando che il tempo corre e non c’è dato sapere quanto ognuno di noi ne abbia a disposizione.

RON

Riccardo, Omar e Nicolò, tre nomi che hanno dato vita all’acronimo di RON.

Prima di qualsiasi bene materiale RON è un approccio alla vita: “non essere un mignolino”, da qui il logo, deve essere uno sprono per credere sempre in se stessi e per indurre anche gli altri a farlo.

“Siamo sempre stati tre sognatori, speravamo di costruire una nostra azienda che sfondasse come brand d’abbigliamento e come organizzatrice di eventi in discoteca.”

Giovani, con un futuro da costruire, ma ancora troppo insicuri per lasciare tutto e dare piena vita a RON. 
“Di una cosa però eravamo sicuri: pensavamo di avere tutto il tempo del mondo per concretizzare i nostri sogni. 

E, invece, di tempo non ce n’è stato. La vita di Nicolò è sfumata via, portandoci a passare uno dei momenti più duri delle nostre vite e che terremo come solco nel cuore per sempre. 

Da questo avvenimento, abbiamo compreso noi stessi il profondo valore di quel motto che spesso scherzosamente usavamo. Abbiamo scelto di non essere mignolini, di non farci sopraffare dal dolore, di scegliere di inseguire davvero i nostri sogni e di vivere per e con Nicolò. 

Ed eccoci qui, a concretizzare passo dopo passo tutto quello che avevamo progettato, senza cambiare nulla. 

Pensiamo e speriamo che la nostra esperienza possa essere da stimolo per tutti, nessuno escluso, nel credere nei proprio sogni, ma crederci sempre e davvero come lo stiamo facendo oggi, nella speranza che in tutto questo Nicolò, da lassù ci stia guardando.”

Chi è in questo momento RON? 
“Come già letto, Ron nasce come un’idea nel 2017, ma solo da marzo 2021 abbiamo iniziato a mettere le basi per crescere e far si che concretizzasse.

Abbiamo aperto la nostra pagina Instagram @essere_ron e nell’ultimo anno abbiamo lavorato per farla crescere. Abbiamo lanciato la nostra prima Felpa, dando valore a Made in Italy e con un’occhio attendo alla sostenibilità. Il nostro obiettivo per la linea d’abbigliamento è quella di creare delle collezioni future, che seguano sempre la nostra etica, e perché no, anche di valutare possibili collaborazioni.

Un altro canale che stiamo seguendo è quello delle feste, dove vogliamo entrare in contatto con chi supporta la nostra filosofia (non essere un mignolino). 

Grande attenzione l’abbiamo messa anche sul concept dell’evento, lavorando anche sui dettagli, che rendono l’evento unico e riconoscibile ovunque (atmosfera rossa, musica anni 2010/mashup e una serie di dettagli tipici di quegli anni). Ci teniamo a ringraziare Riky Zanna e il team del Nolita per la fiducia concessa e per averci aperto le porte del loro locale.

Per gli eventi puntiamo a collaborare e a spostarci in tutta Italia cercando di trasferire il nostro messaggio a più persone possibili.”


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amici per la vita e oltre: realizzano il sogno di Nicolò dopo la sua morte

TrevisoToday è in caricamento