Pasticcio striscione Regeni: Calesso attacca Conte e Iannicelli

"Per togliere lo striscione per Regeni serve una delibera di giunta. Conte e Iannicelli sappiano che lo striscione e Palazzo dei Trecento non sono "cosa loro" ma proprietà dei cittadini"

l Sindaco e il Presidente del Consiglio Comunale dichiarano sulla stampa di oggi cose diverse rispetto alla "sparizione" dello striscione per Giulio Regeni da Palazzo dei Trecento: se per Conte la cosa è definitiva, Iannicelli non dimostra altrettanta certezza, parla di "manutenzione"...A entrambi penso sia utile comunicare che per rimuovere definitivamente lo striscione (penso che la "manutenzione" non possa durare più di qualche giorno) è necessaria una delibera di giunta visto che è con una delibera di giunta che la precedente amministrazione ha deciso l'installazione.

Conte e Iannicelli sappiano che lo striscione e Palazzo dei Trecento non sono "cosa loro" ma proprietà dei cittadini che loro sono chiamati transitoriamente a governare e che, quindi, l'eliminazione dello striscione dal palazzo va decisa nella stessa sede, la giunta municipale, in cui è stato deciso di installarlo. Conte convochi la Giunta con questo punto all'ordine del giorno e giustifichi la sua proposta di delibera con il "Lo striscione è stato lì abbastanza": se in giunta c'è qualcuno con la schiena diritta gli risponderà che sarà "abbastanza" quando sarà conosciuta la verità sull'assassinio di Giulio Regeni, fino a un secondo prima non sarà mai abbastanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento